I bimbi italiani sono più sani, ma le nascite aumentano solo al Nord

Redazione DottNet | 30/01/2012 19:41

Lo stereotipo che vuole le famiglie numerose concentrate al sud e' ormai un ricordo: i pochi bambini che nascono nel nostro paese, che e' sempre piu' 'di nonni senza nipoti', sono sempre piu' concentrati nelle uniche regioni dove c'e' una vera politica di assistenza alla famiglia, mentre le altre vedono un declino legato anche a una scarsa assistenza sanitaria. Il futuro del paese, ammoniscono gli estensori del Libro Bianco sulla salute dei bambini presentato oggi a Roma all'universita' Cattolica, non passa solo per la crescita economica, ma anche per un welfare piu' a misura di bimbo.

Secondo i numeri del rapporto realizzato da Società Italiana di Pediatria (Sip), Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Società Italiana Medici Managerdal 1871 al 2009 la natalità si è quasi dimezzata (-74,25%) e attualmente si assesta a 9,5 bebe' ogni mille abitanti contro, ad esempio, 12,8 della Francia. Nel biennio 2008-2009 i valori più alti di natalità si registrano nelle province autonome di Bolzano e Trento, mentre i valori più contenuti si riscontrano in Molise, Liguria e Sardegna: "Mai in nessun altro Paese del mondo si è avuto, come in Italia, un tale abbassamento dei tassi di fecondità e natalità in così breve tempo - spiega Walter Ricciardi, curatore del libro - e questo fenomeno è stato sicuramente aggravato dalla continua carenza di politiche a supporto della famiglia". Dal punto di vista della salute il rapporto ha registrato una diminuzione della mortalita' infantile, che pero' non e' uguale sul territorio: accanto ad aree con numeri da primato a livello mondiale, come la provincia di Trento che ha 1,6 casi ogni mille, ci sono regioni con cifre vicine a quelle di paesi ben piu' poveri del nostro, come la Calabria che ha 4,82 casi per mille. I pediatri hanno colto l'occasione per puntare l'indice contro una norma che vorrebbe che il bambino sia seguito dal pediatra solo fino a 6 anni. La disposizione e' contenuta in una bozza alla quale pero' il ministero della Salute non riconosce nessuna ufficialita'. ''Si tratta di un documento tecnico degli Assessorati Regionali alla Sanità '', ha precisato il Ministero della Salute riguardo le notizie sul riordino delle cure Primarie e della pediatria. ''Nel documento ministeriale sulle cure Primarie presentato al Tavolo Tecnico per il rinnovo del Patto per la Salute - si legge in una nota - l'ipotesi assolutamente non è prevista, né risulta che il documento sia stato trasmesso al Ministero e che esista una sua validazione politica da parte delle stesse Regioni''. La norma era stata definita ''assurda'' da Alberto Ugazio, presidente della Sip, a cui hanno fatto eco gli esperti presenti alla presentazione, che porterebbe solo i genitori ad accollarsi le spese di un pediatra privato. Una soluzione al problema della carenza di pediatri potrebbe venire dalla creazione di 'case della salute' con piu' pediatri che collaborano, come avvenuto ad esempio in Spagna". E se oggi in Italia si puo' parlare di 'bimbi sani', gli stessi non e' detto che siano anche degli adulti in salute: a minare il futuro sono gli stili di vita, che mettono i ragazzi italiani ai primi posti per problemi di peso e sedentarieta'. Il 22,9% dei bambini di 8-9 anni è risultato in sovrappeso e l'11,1% in condizioni di obesità, e ancora una volta e' il sud ad avere i dati peggiori. Anche per quanto riguarda l'uso di Internet, della tv e in generale la sedentarieta' non siamo messi bene, con valori che preoccupano gli esperti: "Un bambino sovrappeso non è malato - spiega Walter Ricciardi, curatore del volume - ma va incontro a gravi problemi tra i 20 e i 40 anni, e bisogna intervenire ora. Non a caso registriamo una diminuzione della mortalita' per problemi cardiaci in tutte le fasce di eta' tranne che nei 20-40enni, che risentono della pessima alimentazione degli ultimi anni".

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato