Fimmg, dalla Sardegna primo test recapito veloce dei farmaci

Redazione DottNet | 12/03/2012 10:38

farmaci fimmg sanità-pubblica sindacato farmacie-rurali farmacia

Rendere piu' semplice e veloce il recapito dei farmaci, che si potranno avere al proprio domicilio o ritirare in farmacia senza dover fare la coda dal medico per farsi rifare la ricetta. E' uno degli obiettivi del 'Progetto Dofar', avviato in Sardegna dalla Fimmg (Federazione italiana medici medicina generale) per i pazienti che devono prendere abitualmente farmaci o soffrono di patologie croniche, come spiega Alessandro usai, segretario regionale Fimmg.

''Il progetto e' articolato con tre diversi tipi di servizio - continua - Il cittadino che partecipa puo' ritirare le prescrizioni dallo studio medico in tempi stabiliti, ritirare i farmaci in farmacia e averli direttamente al proprio domicilio''. Il protocollo d'intesa prevede il supporto di una piattaforma informatica che, oltre a inviare al medico di famiglia gli 'alert' mensili in prossimita' dell'esaurimento della terapia da parte del paziente, e l'invito alla ripetizione della prescrizione, memorizza anche quantita' di dosi e farmaci erogati nell'arco dei trenta giorni trascorsi. ''Il progetto e' stato studiato - prosegue - con rigorosa attenzione alla normativa sulla privacy e prevede l'adesione volontaria del paziente, che puo' indicare la farmacia presso cui servirsi, oltre all'adesione volontaria del medico e del farmacista, e la creazione di un database a disposizione del medico per fini di appropriatezza e riduzione degli sprechi''. In questo modo il cittadino potra' evitare lunghe code presso lo studio medico per la ripetizione delle ricette, ''mentre il medico - conclude Usai - avra' piu' tempo per l'attivita' clinica e il farmacista potra' fidelizzare il paziente''.