Agenas, per le migrazioni occorre un accordo preventivo tra le regioni

Redazione DottNet | 15/03/2012 19:58

regioni sanità-pubblica agenas censis

Le migrazioni sanitarie ''sono un fattore di costo che andrebbe conosciuto prima. Occorre obbligare le regioni a fare accordi preventivi sulla mobilita''' E' quanto proposto, in occasione del Forum per la ricerca biomedica promosso oggi dal Censis, dal presidente facente funzioni dell'Agenas Giuseppe Zuccatelli, che ha sottolineato anche come la mobilita' riguardi sia gli erogatori pubblici che quelli privati, e che quando e' di confine spesso riguarda patologie di bassa o media gravita'.

''Molte Regioni - ha detto Zuccatelli - speculano vincolando la mobilita' degli erogatori pubblici. E questo finisce per aumentare i costi, senza aumentare la qualita'. Occorre poi - ha proposto ancora - togliere l'equivoco della libera professione, anche nella intramoenia. Il tema e' un ruolo unico per i medici e l'idea e quella di meno medici ma che lavorino di piu''' ha concluso.