Parafarmacie, tempi lunghi per i decreti attuativi

Farmacia | Redazione DottNet | 09/04/2012 10:04

''L'incertezza sui tempi e le modalità di attuazione di quanto previsto dai decreti Salva Italia e Cresci Italia ci preoccupa''. A dichiararlo e' il Coordinamento dei titolari di parafarmacia, in rappresentanza delle circa 4 mila parafarmacie attualmente in esercizio, affermando di aver richiesto un incontro con il ministro della Salute Renato Balduzzi.

''Sono oramai scaduti - rileva il Coordinamento in una nota - i tempi per la pubblicazione del decreto ministeriale per la definizione dei requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi delle parafarmacie, previsto per fine febbraio, mentre mancano pochi giorni alla pubblicazione dell'elenco dei farmaci di fascia C da vendere in parafarmacia. Tutto questo mentre apprendiamo che il ministro della Salute prende accordi con Federfarma per stabilire quali farmaci ad uso veterinario possono o non possono essere venduti in parafarmacia''. L'auspicio del Coordinamento delle Parafarmacie, si legge nella nota, e' dunque che il ministro Balduzzi ''consideri l'associazione che raggruppa le circa 4mila Parafarmacie esistenti il naturale interlocutore nelle decisioni che toccano il proprio ambito di sopravvivenza''.  ''Mai e poi mai - conclude il coordinamento - una legge di interesse delle Parafarmacie può essere interpretata da chi ha interessi contrapposti a noi. Per tutte queste ragioni abbiamo chiesto un incontro urgente con il ministro''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato