Parodi (Enapm) si sospende, agirà Oliveti. Apprezzamento della Fimmg. Snami: agiremo nelle sedi opportune

Redazione DottNet | 20/04/2012 13:25

Il presidente dell'Enpam Eolo Parodi ha annunciato la sua volontà di autosospendersi: ''Una decisione che il Consiglio di amministrazione potrà formalizzare nella seduta del 27 aprile prossimo, cosicché il vice presidente vicario Alberto Oliveti avrà modo di agire nel pieno delle funzioni operative e gestionali ed esercitare la rappresentanza legale della Fondazione Enpam'', ha spiegato lo stesso Parodi, indagato per truffa aggravata, assieme ad altre tre persone, nell'inchiesta della Procura di Roma.

''Come Presidente della Fondazione Enpam intendo affrontare a testa alta le vicende su cui la magistratura sta facendo accertamenti, nella certezza di avere la coscienza a posto. Per anni sono stato il capo dei medici e degli odontoiatri italiani. E' per quel passato - ha aggiunto Parodi- che sono stato chiamato all'Enpam. Sono entrato senza cercare clamori in quella che è diventata la mia casa e come la mia casa ho lasciato che le porte fossero sempre aperte. Non ho nulla da nascondere, nulla di cui vergognarmi. Come medico ho imparato che si deve sempre apparire per quello che si è, sinceramente, agendo con decisione e responsabilità. Mi sono sempre battuto contro i personalismi, la cattiva gestione in sanità e la corruzione. Non intendo smentire ora la mia storia''. Parodi ha anche spiegato di essere ''arrivato a questa decisione in maniera autonoma e meditata per mettere la Fondazione nelle migliori condizioni di ripristinare la verità nell'interesse di tutti i medici e gli odontoiatri. Questo mi permetterà anche di difendere la mia reputazione e i principi di onestà e di correttezza a cui mi sono sempre ispirato''. La Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) esprime ''piena solidarietà al presidente dell'Enpam, Eolo Parodi, e apprezzamento per la sua decisione responsabile che antepone l'interesse prioritario dell'Ente e dei medici a quello personale". Lo dichiara il segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo, in merito alla decisione del presidente dell'Enpam, Eolo Parodi, di rimettere tutte le deleghe in seguito all'inchiesta giudiziaria che lo vede tra gli indagati. ''Non abbiamo mai dubitato dell'esperienza, della competenza e dell'onestà di Parodi - prosegue Milillo - riteniamo la sua una scelta equilibrata e opportuna in un momento come questo. La Fimmg ha piena fiducia nella magistratura e auspica che al più presto sia fatta chiarezza sulla vicenda. Va sottolineato - conclude Milillo - come i conti dell'Ente, indipendentemente dall'inchiesta in corso, siano solidi e ogni allarmismo su questo punto non possa far altro che alimentare ingiustificate preoccupazioni nella categoria: non esiste alcun rischio per le pensioni dei medici".

La denuncia dello Snami

Forte sconcerto in casa Snami alla notizia  riportata su tutti gli organi di stampa  ”Eolo Parodi ed  altri indagati, in concorso tra loro,"mediante artifizi e raggiri", avrebbero sostanzialmente aggirato le regole interne dell'Enpam, che imponevano prudenza negli investimenti, al fine di realizzare massicci investimenti in strumenti derivati, "inducendo, tra l'altro, - si legge in un uno dei decreti di perquisizione - in errore i membri del CdA della Fondazione Enpam che decidevano l'acquisto dei titoli , le successive ristrutturazioni dei medesimi, nonchè il pagamento di onerose commissioni (per diversi milioni di euro, ndr) a consulenti e intermediari finanziari”.

L'Esecutivo Nazionale Snami "Leggiamo che  il Presidente dell'Enpam  e' indagato per truffa aggravata, assieme ad altre tre persone, nell'inchiesta della Procura di Roma relativa agli investimenti intrapresi dall'Ente Previdenziale dei medici italiani e che gli inquirenti ipotizzano perdite per circa 500 milioni di euro. Sapevamo dell'esposto  presentato da alcuni Presidenti di Ordine  e che c'era un'inchiesta in corso. Anche per queste vicende lo SNAMI, in tempi non sospetti, ha chiesto più volte  all'Ente Previdenziale di saperne di più. In  un comunicato stampa nazionale del 27 febbraio scorso ci siamo così espressi”. "Da anni  - specifica l'Esecutivo del Sindacato  -  lo Snami denuncia le proprie perplessità in merito alla gestione del nostro Ente pensionistico e quanto sta succedendo è la riprova che avevamo ragione a chiedere chiarezza. Azione e pensieri dello Snami esplicitati dal Presidente di Snami Lombardia e Presidente dell'Ordine dei Medici di Milano, Robero Carlo Rossi, che  qualche mese fa in una lettera  aperta al Presidente E. Parodi sottolineava  testualmente se   l'ENPAM è una "casa di vetro" come Lei ha sempre affermato, per noi finchè non avremo risposte precise, la casa di vetro evidentemente ha le vetrate opache. Non si può non menzionare  Guido Caprio, responsabile nazionale di Snami Esperienza, che dal suo sito Enpam veritas con un gruppo di colleghi da anni porta avanti con coraggio una costante battaglia di approfondimento e di denuncia". " Le nostre pensioni sono sacre  -concludono gli esponenti dell'Esecutivo Nazionale -  e i Medici sono parte lesa in questa vicenda. Se verranno confermati  comportamenti illeciti, se c'è stata malgestione e distrazioni di fondi, tuteleremo i nostri iscritti in tutte le sedi.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato