Ricerca: allo studio salva-ricordi per chi dimentica nomi e chiavi

Redazione DottNet | 24/10/2008 12:23

memoria

Nomi, numeri di telefono e indicazioni stradali si dissolvono dalla nostra mente come neve al sole? Per aiutare gli “scordarelli”, fra qualche anno potrebbe arrivare sul mercato un dispositivo salva-ricordi. Un gruppo di ricercatori britannici ha iniziato a lavorarci pensando proprio ai disagi di quanti incontrano di continuo persone ben note, senza però riuscire a rammentarne il nome. Con il rischio di passi falsi a livello sociale, involontarie offese e gaffe. Gli scienziati della Southampton University (Gb) hanno pensato a un apparecchio digitale che – giorno per giorno – aiuti a registrare e ricordare nomi, date, itinerari.

Uno strumento Hi-tech ispirato però ai tempi antichi. “Il nomenclator, nell’antica Roma, era un assistente che suggeriva al senatore il nome dei suoi interlocutori”, spiega Wendy Hall, scienziata dell’ateneo britannico. “Pensiamo di poter sviluppare abbastanza presto una tecnologia che, come una sorta di combinazione tra apparecchio acustico e occhiali, aiuterà a colmare i vuoti di memoria. Pensiamo che, nei prossimi 5-10 anni, le persone che hanno questi problemi potranno giovarsi di un salva-ricordi”. Già in molti ricorrono a strumenti elettronici per non dimenticare appuntamenti, numeri di telefono o indicazioni stradali.