Novartis Italia, in arrivo oltre venti milioni di euro per lo sviluppo di vaccini innovativi

Redazione DottNet | 12/05/2012 18:40

vaccino aziende- ssn farmaci novartis

La Commissione Europea ha dato il via libera a 23 milioni di euro di fondi pubblici che l'Italia intende versare alla branca Vaccines and Diagnostics di Novartis Italia per la ricerca e lo sviluppo di vaccini innovativi. Secondo l'esecutivo europeo tali fondi non violano le regole sugli aiuti di Stato ''in particolare perche' stimolano la ricerca nella Ue''. Il progetto punta ad assicurare lo sviluppo di prodotti innovativi a prezzi accessibili nei Paesi in via di sviluppo.

''Porto da Bruxelles, dove proprio oggi mi sono recato, un risultato importantissimo per l'economia e il futuro della Toscana: 23 milioni di euro di nostri fondi che permetteranno a Novartis di realizzare a Siena uno stabilimento pilota per sviluppare vaccini innovativi destinati ai Paesi in via di sviluppo''. E' quanto afferma il presidente della Toscana Enrico Rossi che, si spiega in una nota della Regione, non nasconde la sua soddisfazione per aver ottenuto dalla Commissione europea il via libera a una operazione a cui la Regione Toscana sta lavorando da anni, per la realizzazione del progetto che Novartis Vaccines & Diagnostics ha messo a punto anche con il sostegno della Fondazione Gates.  ''Questi 23 milioni, che sono fondi della Regione Toscana, possono ora far decollare un grande progetto di sviluppo - prosegue il presidente - che mette insieme attivita' di ricerca avanzata, nuove opportunita' di lavoro di alto livello e una risposta di qualita', tempestiva e a costi ragionevoli alle esigenze dei Paesi in via di sviluppo. La Toscana ci ha creduto e ha lavorato per garantire con questo progetto un futuro a una delle presenza industrali piu' significative della regione''. ''Investiamo dove c'e' eccellenza - conclude il presidente - come anche la Fondazione Gates ha riconosciuto, investiamo per un progetto che ha grandi risvolti sociali oltre che economici''. La Regione Toscana, si ricorda inoltre, sempre in questa ottica, ha gia' finanziato negli anni scorsi un progetto per la ricerca e la produzione di un vaccino contro il tifo, sempre destinato ai Paesi in via di sviluppo