Da Il Sole24ore: Responsabile la struttura ospedaliera se il personale sanitario causa danni a persone

Redazione DottNet | 25/10/2008 13:28

La responsabilità civile per danni a persone causate dal personale sanitario medico e non medico, occorsi in una struttura ospedaliera pubblica o privata, è sempre a carico della struttura stessa.
Così recita il primo comma del disegno di legge "Nuove norme in materia di responsabilità professionale del personale sanitario" in esame nella Commissione Igiene e sanità del Senato.

Cosa prevede il disegno di legge
Quali prestazioni
- tutte le prestazioni erogate dalle strutture ospedaliere pubbliche, ivi incluse le attività ambulatoriali, diagnostiche e le attività intramoenia (ad eccezione di quelle escluse totalmente dai livelli essenziali di assistenza);
- tutte le prestazioni fornite dalle strutture ospedaliere private accreditate.

Azione disciplinare contro i dipendenti
La struttura ospedaliera può avviare azione disciplinare contro i dipendenti responsabili del danno qualora il fatto sia stato commesso con dolo o colpa grave. Solo in caso di dolo può essere avviata azione di rivalsa nei confronti dei sanitari responsabili.
In caso di colpa grave accertata con sentenza passata in giudicato, il direttore generale, sentito il collegio di direzione, può disporre nei confronti del dipendente il parziale recupero del risarcimento del danno riconosciuto; l'ammontare, fissato in modo equitativo, è recuperato attraverso trattenute sullo stipendio, nella misura massima del quinto, per un periodo comunque non superiore a cinque anni.

Assicurazione obbligatoria delle strutture sanitarie ospedaliere
Tutte le strutture sanitarie ospedaliere pubbliche e private non possono esercitare l'attività se non sono coperte, ai sensi della presente legge, dall'assicurazione per la responsabilità civile nei confronti degli assistiti.

Azione giudiziaria per il risarcimento del danno
Azione diretta per il risarcimento del danno nei confronti dell'assicuratore il quale, entro novanta giorni dalla domanda di risarcimento, comunica al danneggiato la misura della somma offerta, ovvero indica i motivi per i quali non ritiene di fare alcuna offerta; nello stesso periodo di tempo il danneggiato è tenuto ad acconsentire agli accertamenti, ai controlli e alle verifiche che si rendano necessari.
In caso di postumi non ancora consolidati: la richiesta e l'offerta possono avere carattere provvisorio. L'offerta definitiva deve essere comunicata entro novanta giorni dalla data in cui il danneggiato informa l'assicuratore riguardo il consolidamento dei postumi.

Accettazione o mancata accettazione da parte del danneggiato della somma offertagli
1. Il danneggiato dichiara di accettare la somma offertagli: l'assicuratore deve provvedere al pagamento entro venti giorni dal ricevimento per iscritto dell'accettazione.
2. Il danneggiato non si dichiara soddisfatto del risarcimento (somma offerta inferiore a quella richiesta): l'impresa deve comunque corrispondere tale somma entro venti giorni. Tale somma verrà imputata nella liquidazione definitiva del danno.

Arbitrato
In mancanza di accordo tra le parti, la controversia può essere deferita, su proposta del danneggiato e previa accettazione della controparte, ad un collegio arbitrale.
Il procedimento, il lodo e le impugnazioni devono essere svolti in conformità agli articoli 816 e seguenti del codice di procedura civile. Il procedimento si conclude nel termine di novanta giorni da quello in cui è avvenuta l'ultima accettazione da parte degli arbitri, salvo che le parti, di comune accordo, concordino un termine diverso.
Contro tale decisione non sono ammessi mezzi di impugnazione.

Albo nazionale degli arbitri e dei consulenti tecnici d'ufficio...
In ciascuna regione e provincia autonoma è costituito un albo degli arbitri e dei consulenti tecnici d'ufficio per le vertenze riguardanti la responsabilità professionale del personale sanitario.
L'esame del provvedimento è stato abbinato ad un altro ddl in tema di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile delle aziende sanitarie.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato