Settantamila decessi l’anno per morte cardiaca improvvisa

Cardiologia | Redazione DottNet | 21/06/2012 18:18

La morte cardiaca improvvisa in Italia e' responsabile del 60-70% di tutte le cause di morte cardiovascolare, con un numero di decessi che supera i 70mila l'anno. I dati sono stati presentati oggi ad un convegno sulla morte cardiaca improvvisa a Milano, organizzato dall'associazione Vita Onlus.

 La morte cardiaca improvvisa colpisce 350mila persone negli Stati Uniti e puo' essere la manifestazione clinica di diverse cardiomiopatie, come la cardiomiopatia ipertrofica (che colpisce 1 persona ogni 500), la cardiomiopatia dilatativa, le sindromi da qt a lungo e corto raggio, le sindromi di Brugada e di Marfan. Colpisce soprattutto i giovani sotto i 35 anni e gli sportivi e si verifica in apparente assenza di sintomi o entro un'ora dalla loro comparsa.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato