Trattamento dell'osteoporosi: l'acido ibandronico (Bonviva®) tra i farmaci più consigliati dagli specialisti del settore

Ortopedia | Redazione DottNet | 05/02/2013 18:26

I Bisfosfonati, sono considerati i farmaci di prima scelta nel trattamento dell’osteoporosi e nella prevenzione del rischio di fratture ossee. Diversi studi pubblicati su riviste internazionali hanno valutato l’efficacia terapeutica e i vantaggi di impiego di questi farmaci nelle patologie osteoporotiche frequenti soprattutto nel periodo post-menopausale, quando tendono a ridursi i livelli dell'ormone femminile estrogeno. L’acido ibandronico, è un bisfosfonato che  agisce inibendo l'azione degli osteoclasti responsabili della decomposizione del tessuto osseo.

L’efficacia è stata valutata in uno studio clinico nel quale sono state arruolate 3.000 donne affette da osteoporosi ed è stato osservato il numero di fratture riportate dalle pazienti nell'arco di tre anni.  Nelle pazienti trattate con l’acido ibandronico si è osservata  una riduzione del 62% del rischio di fratture vertebrali rispetto a quanto osservato con il placebo1,2.
Altri studi hanno inoltre dimostrato che il farmaco garantisce una miglior aderenza (in termini sia di persistenza che di compliance) rispetto a risedronato settimanale e ranelato di stronzio giornaliero3e incrementa i valori di BMD della colonna vertebrale e del femore totale4.

L’acido ibandronico disponibile commercialmente con il nome di Bonviva® compresse (150 mg) o soluzione iniettabile (3 mg) è per  efficacia a lungo termine e aderenza nella terapia dell’osteoporosi1,5 uno dei farmaci più consigliati dagli specialisti del settore. Da oggi, è disponibile sul mercato farmaceutico con un prezzo più basso la formulazione in compresse (da €41,52a €21,60), offrendo un nuovo vantaggio che si aggiunge al profilo di efficacia: il rapporto qualità prezzo (Publiredazione).

 

Bibliografia:

1.Delmas PD. Daily and intermittent oral ibandronate normalize bone turnover and provide significant reduction in vertebral fracture risk: results from the BONE study. Osteoporos Int.2004 Oct;15(10):792-8. Epub 2004 Apr 8.

2.Epstein S et al. Update on monthly oral bisphosphonate therapy for the treatment of osteoporosis: focus on ibandronate 150 mg and risedronate 150 mg. Curr Med Res Opin 2009; 25(12): 2951-2960

3. Rossini M et al. Focus on. Ibandronato: review degli studi e delle esperienze cliniche. Ed. Springer Vol XII (1), Luglio 2011.

4. Miller P. D. et al. L’efficacia di ibandronato orale una volta al mese si mantiene per 5 anni: estensione a lungo termine dello studio MOBILE. Estratto da: Osteoporos Int, Ed. Springer Settembre 2011.

5. Gatti D et al. Adherence to oral osteoporosis treatment in the Italian clinical practice. Reumatismo. 2010 62(suppl): 1-8

 

Informazione pubblicitaria di: Roche S.p.A

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato