I generici consentiranno risparmi per circa settecento milioni

Farmaci | Redazione DottNet | 02/07/2012 17:23

''Tra il 2012 e 2013 si libereranno circa 650 milioni di euro grazie a farmaci non piu' coperti da brevetto. A questi vanno aggiunti altri risparmi ottenibili dalla perdita del brevetto di farmaci biosimilari''. A prevederlo e' Nello Martini, ex direttore dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e direttore scientifico dell'Accademia nazionale di medicina a margine del convegno 'Meet the company. Incontrare per capire' a Milano. ''In questo modo - prosegue Martini - ci sono risorse sufficienti per mantenere l'equilibrio rigoroso imposto dalla crisi''.

A proposito di crisi e dei tagli annunciati con la spending review, secondo Martini ''il decreto legge del Governo, in base alle anticipazioni di stampa, rappresenta uno straordinario passo in avanti perche' per la prima volta non c'e' una singola misura, ma un impianto che prefigura una governance di medio e lungo periodo, dove vengono fissati i budget per le aziende, vengono previste misure di recupero in caso di sfondamento e si utilizzano i risparmi ricavati dai generici per fare ricerca e innovazione''. Con queste regole chiare, se rimarranno tali, ''dal prossimo anno non serviranno piu' misure spot - conclude Martini - Queste sono regole chiare, lungimiranti e considivisbili''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato