Agobiopsia mediante aspirazione: dieci anni di esperienza con uno strumento di nuova concezione

Medicina Interna | Beniamino Palmieri | 11/09/2012 10:01

A partire dalla prima descrizione di una biopsia eseguita mediante ago sottile, su sessantacinque pazienti cancerosi da Martin ed Ellis nel 1930, nella letteratura medica, sono apparsi, specialmente negli ultimi dieci anni, svariati articoli sull’argomento.

Il costo estremamente basso, la rapidità di esecuzione, la sicurezza e la precisione di questa metodica, sono stati i fattori che hanno determinato la sua diffusione in quasi ogni branca della medicina e della chirurgia. Da un punto di vista generale, ci sono due modi diversi di eseguire una agobiopsia: 1) L’agobiopsia mediante aspirazione con ago sottile, (Fine Needle Aspiration Biopsy  o FNAB) che consente il prelievo di cellule o cordoni di cellule per mezzo di un ago estremamente fine collegato ad una siringa aspirante; 2) L'agobiopsia detta “Core Biopsy” in cui, invece, si prelevano frammenti di tessuti che restano intrappolati nel lume di un ago o di una cannula taglienti di maggiori dimensioni, collegati con un sistema che può essere aspirante o rotante.

Per il download completo clicchi il seguente link: http://www.poliambulatoriosecondoparere.it/phocadownload/palmieri/letteratura_prof/agobiopsia mediante aspirazione.pdf

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato