Dermizip

Medicina Interna | Beniamino Palmieri | 04/10/2012 12:29

Le suture cutanee sono state oggetto di numerosi studi sperimentali e clinici volti a realizzare il miglior risultato estetico ed una maggior forza tensile delle cicatrici.

I fili di sutura dei piani cutanei vengono generalmente costruiti con materiale non riassorbibile: sono senza dubbio i presidi più usati, ma presentano qualche svantaggio in riferimento al tempo richiesto per la confezione di una sutura tecnicamente accurata. Le agrappes, costruite in acciaio, sono tecnicamente molto facili da apporre specie con le nuove generazioni di strumenti disposable ed hanno l’indiscutibile vantaggio di essere assolutamente inerti, non promuovendo, se non eccezionalmente, alcuna reazione da corpo estraneo. Rapidità, accuratezza di esecuzione e tenuta delle suture, quindi, sono tre requisiti indispensabili nella ricerca di un miglioramento tecnico in questo campo. L’accuratezza, in modo particolare, si riferisce non soltanto ad un corretto affrontamento planare dei margini della ferita, ma anche ad una giusta tensione del filo, onde evitare pericolose ischemie ed eccessive lassità. Le colle chirurgiche, che realmente ovvierebbero a qualsiasi problema (colla di fibrina, cianoacrilati) rappresentano ancora un futuro remoto poiché scarso è il potere collante rispetto alla potenziale tensione e notevoli, almeno per le colle sintetiche, le reazioni granulomatose indotte.

Per il download completo cliccare il seguente link https://www.box.com/s/74a15cf8f8e09a118530.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato