Adalimumab, risultati incoraggianti contro il morbo di Crohn

Gastroenterologia | Redazione DottNet | 28/10/2008 22:45

Un'analisi di due studi clinici ha prodotto risultati incoraggianti sulla guarigione delle fistole nei pazienti affetti da malattia di Crohn trattati con adalimumab,un anticorpo monoclonale umano ricombinante.

Alla settimana della federazione europea dei gastroenterologi (UEGW), a Vienna, è stata presentata la prima analisi fatta per valutare l'effetto di adalimumab sulle fistole; i dati sono stati tratti da due studi clinici, CHARM e CHOICE, promossi dall'azienda farmaceutica Abbott per definire l'efficacia nell'ottenere la remissione del morbo di Crohn, patologia cronica autoimmune caratterizzata da infiammazione a carico dell'apparato gastrointestinale. Sugli stessi pazienti arruolati nei due studi è stato valutato anche il miglioramento delle fistole, fessurazioni delle pareti dell'intestino, una delle complicanze più invalidanti associate a questa malattia.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato