Diminuisce il tasso di riferimento della bce: novita’ per dilazioni di pagamento contributi

Gianni Pacelli | 28/09/2012 09:33

enpam professione

(INPS, 12 luglio 2012, circolare n. 94)

Allo scopo di offrire nuovi strumenti per contribuisce alla crescita europea, la Banca centrale europea ha deciso di diminuire con decorrenza 11 luglio 2012 il tasso ufficiale di sconto portandolo ad un valore di riferimento pari a 0,75%.

L’Inps, attraverso la sua circolare n. 94 dello scorso 12 luglio, ha illustrato i dettagli di questa decisone che ha ricadute anche sull’interesse di dilazione e di differimento utilizzato dall’Istituto. Infatti, l’interesse di dilazione per la regolarizzazione rateale dei debiti per i contributi e per le relative sanzioni civili, dovrà essere calcolato al tasso del 6,75%: analogo discorso vale per l’interesse dovuto in caso di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi.

L’Inps ricorda che il nuovo tasso di riferimento dovrà essere applicato dall’11 luglio 2012 e i piani di ammortamento già emessi prima di questa data non dovranno subire variazioni.

Non solo, nei casi di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi, il nuovo tasso sarà applicato a partire dalla contribuzione relativa al mese di giugno 2012. L’Inps, sempre nella stessa circolare, ricorda che questa decisione comporta la variazione delle sanzioni civili. A questo riguardo, è possibile affermare che nel caso di mancato o ritardato pagamento di contributi, la sanzione dovrà essere pari al tasso corrente con una maggiorazione di 5.5 punti.

Per completezza d’informazione, si ricorda che anche l’INAIL con apposita circolare (n. 34 del 6 luglio 2012) ha comunicato l’applicazione delle nuove misure per  i tassi di interesse relativi a  rate e dilazioni con decorrenza 11 luglio 2012.

Anche per quanto riguarda l’Enpam le sanzioni previste in caso di inadempienza si ridurranno dello 0,25%.