Melanoma, al via le sinergie tra dermatologi e pazienti. Pronti nuovi farmaci

Redazione DottNet | 15/10/2012 16:41

''Finalmente abbiamo avviato una collaborazione a livello europeo con le Societa' di dermatologia, creando all'interno del nostro gruppo un team di dermatologi oncologi, che usando il microscopio laser, potranno fare diagnosi precoci del melanoma''. E' questo, secondo Alessandro Testori, direttore della divisione melanomi e sarcomi dell'Istituto europeo oncologico (Ieo), uno dei risultati piu' importanti ottenuti al convegno dell'Eortc Melanoma group (uno dei network mondiali piu' grandi di ricerca e sperimentazioni sul melanoma) in corso allo Ieo a Milano. In Italia i casi sono in sensibile aumento.

 ''Un altro risultato importante - continua Testori - e' la reciproca collaborazione avviata con le associazioni dei pazienti''. A livello di terapie invece, le principali novita' riguardano alcuni farmaci. ''Sono partiti dei nuovi studi - conclude Testori - che abbinano 2 farmaci target. Le sperimentazioni fatte con un solo medicinale si sono infatti rivelate efficaci solo per 6-8 mesi. Dopo il melanoma e' tornato piu' devastante di prima, lasciando una prognosi molto infausta''. Lo Ieo inoltre sara' il capofila di uno studio europeo in cui verranno trattati con interferone i pazienti con melanoma con ulcerazione, per ristabilire i livelli del sistema immunitario.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato