L'Avastin ritirato dal commercio dall'AIFA

Farmaci | Saverio Schinzari | 23/10/2012 13:24

Avastin farmaco oculisutico utizzato con una puntura intraoculare, utilissimo nelle malattie oculari della retina, dal 3 ottobre scorso è stato ritirato dal commercio su ordine dell'AIFA.

Avastin farmaco oculistico utilizzato con una puntura intraoculare, utilissimo nelle malattie oculari della retina, dal 3 ottobre scorso è stato ritirato dal commercio su ordine dell'AIFA. Sono migliaia le persone che utilizzano tale farmaco che permette loro le normali azioni quotidiane, di leggere, o addirittura la guida dei veicoli.La più realista del re, ( quando vuole ), molto meno realista per i farmaci generici ( sic ! ), l'Agenzia italiana del farmaco decide tout-cour che essendo essenziale e primario difendere l'interesse del malato da eventuali effetti collaterali dell'Avastin, esso deve essere fatto fuori. Ma quali sarebbero gli effetti collaterali? In pratica il rischio di infezioni allorchè il chirurgo oculista procede all'iniezione intraoculare del farmaco. La tossicità poi dello stesso è irrilevante, come peraltro irrilevanti i rischi per una improbabile infezione con complicanze che sono comuni a moltissimi interventi chirurgici che peraltro continuano ad essere eseguiti. Non si capisce l'accanimento AIFA verso l'Avastin e altrettanto disinteresse nella somministrazione dei vaccini anti influenzali da parte dei medici di famiglia, con pericolo di anafilassi dietro l'angolo. L'AIFA possibilmente rifletta meglio! L'Avastin è utilizzato in tutto il mondo. Sarebbe opportuno una più ponderata riflessione da parte dell'AIFA prima di ogni decisione. Ne va di mezzo la qualità di vita del cittadino e la sua salute.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato