Aifa, via libera ai vaccini antinfluenzali Novartis. Pediatri: adesso è lotta contro il tempo

Redazione DottNet | 11/11/2012 15:52

aifa aziende-farmaceutiche infettivologia influenza sanità-pubblica vaccino novartis

E' durato poco piu' di due settimane il divieto di utilizzo dei vaccini antinfluenzali Novartis, adottato in via precauzionale a tutela della salute pubblica: venerdì scorso l'Agenzia italiana del Farmaco (Aifa) ha comunicato che e' stato rimosso dopo le verifiche sulla documentazione prodotta dall'azienda e dalle analisi straordinarie effettuate dall'azienda e dall'Istituto Superiore di Sanita'.

Lo scorso 24 ottobre il ministero della Salute e l'Aifa avevano deciso infatti di bloccare alcuni lotti di vaccino per alcune anomalie. Per la precisione le dosi sottoposte al provvedimento sono state circa 500mila, di cui 175mila distribuite in farmacia e 312mila nel circuito delle asl, all'interno di una partita complessiva di vaccini Novartis prodotti per l'Italia di 3 mln di dosi. Il divieto era scattato dopo una segnalazione da parte dell'azienda che aveva osservato livelli di aggregati proteici piu' elevati del normale in un lotto di vaccino influenzale stagionale, mai distribuito. Da qui la decisione del blocco, che ha portato all'adozione di analoghe misure in altri Paesi, come Francia, Svizzera e Canada (poi rimosso in questi ultimi due Paesi). E solo una settimana prima erano state bloccate altre 2,3 mln di dosi di vaccini fermate dall'azienda olandese Crucell, prima che fossero distribuite in Italia, arrivando cosi' ad un buco di 5,3 mln di dosi (su un totale di circa 12 mln di fabbisogno nazionale). Un 'buco' a cui si e' provveduto con una ulteriore fornitura da parte delle altre aziende farmaceutiche produttrici di vaccino. Tuttavia, nonostante le rassicurazioni date dal Ministero in queste settimane, che ha attivato un numero verde per dare informazioni ai cittadini, la campagna vaccinale finora non e' decollata. Poche le richieste di vaccini da parte dei cittadini, in vari casi intimoriti o in attesa di notizie. In diverse regioni le dosi non sono ancora disponibili per gli studi dei medici di famiglia e le forniture vanno a rilento. Adesso, secondo medici e associazioni, come Cittadinanzattiva, e' importante ridare fiducia nei cittadini sul vaccino, anche per evitare pericolose complicazioni in bambini, anziani e malati cronici, che sono le categorie a rischio. ''Finora le condizioni climatiche sono state indulgenti e cosi' il previsto picco influenzale e' stato posticipato di qualche settimana - spiega Alberto Villani, responsabile di Pediatria e malattie infettive dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' - ma ora dobbiamo ingaggiare una vera e propria corsa contro il tempo per evitare che il virus influenzale colpisca quest'anno milioni di persone in maniera massiva''.

Pediatri, massima urgenza. ''Finora le condizioni climatiche sono state indulgenti e cosi' il previsto picco influenzale e' stato posticipato di qualche settimana ma ora dobbiamo ingaggiare una vera e propria corsa contro il tempo per evitare che il virus influenzale colpisca quest'anno milioni di persone in maniera massiva. A cominciare dalle categorie a rischio: gli anziani, i pazienti cronici e, tra essi, soprattutto i bambini''. Lo dice il professor Alberto Villani, responsabile della Pediatria e delle malattie infettive dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu'. 'E' necessario - sottolinea Villani - uno sforzo da parte di tutti per garantire che la rete di distribuzione e la logistica funzionino a perfezione per arrivare il piu' possibile pronti all'appuntamento di lunedi' con l'avvio della campagna antinfluenzale. Ed e' altrettanto fondamentale superare, grazie alla corretta informazione, quel po' di diffidenza indotta nella popolazione dagli episodi di queste settimane''.  ''Quanto accaduto in questi giorni con il sequestro di alcuni lotti di vaccino - conclude Villani - e' l'ennesima dimostrazione di come il sistema di controllo e tutela sia in Italia attento e rigoroso, il che consente di garantire la sicurezza dei cittadini. Quanto accaduto con il vaccino antiinfluenzale conferma l'attenzione e l'efficacia dei controlli che e' tale da non consentire l'uso di prodotti che non siano tecnicamente perfetti e sicuri''

Se l'articolo ti è piaciuto inoltralo utilizzando le apposite funzioni