Legge di stabilità, le detrazioni per i medici con figli a carico. Tutti i casi

Professione | Redazione DottNet | 18/11/2012 14:32

Arrivano ad un massimo di 1.000 euro le detrazioni per i nuovi nati che, secondo le nuove norme contenute nella legge di stabilità, scatteranno nel 2013. Lo sconto più alto, precisamente di 963 euro (237 in più rispetto alla normativa vigente), sarà riservato a chi ha un reddito inferiore ai 20.000 euro lordi l'anno. In base al testo del provvedimento così come arriverà in Aula alla Camera, le detrazioni aumentano per tutte le tipologie di famiglie con uno o più figli a carico, con un massimo compreso fra i 400 e i 500 euro in più, secondo i calcoli della Consulta dei Caf, nel caso di bambini disabili. 

Qualcosa in più si ritroveranno comunque nelle tasche anche i redditi medio-alti, come quelli dei medici, ed anche quelli oltre 60.000 euro l'anno, come nel caso dei dirigenti. Ecco le detrazioni in alcuni casi tipici suddivisi per reddito famigliare.

MEDICO CON TRE FIGLI, DETRAZIONI FINO A 1.600 EURO - Nel caso di una famiglia con tre bambini, uno sotto i tre anni e gli altri due più grandi, il cui reddito sia compreso tra i 50.000 e i 60.000 euro (quello di un medico pubblico ad esempio) le detrazioni passeranno dagli attuali 1.414 euro ai 1.622 previsti dal prossimo anno, con un guadagno di 208 euro. Con la stessa composizione famigliare ma con un reddito tra i 25.000 e i 30.000 euro la detrazione é invece di 2.371 euro, 304 in più di quella in vigore.

GLI ALTRI CASI - Nel caso di un medico con un reddito di 50mila euro l’anno con un figlio sopra i tre anni la detrazione aumenterà di 71 euro, con due figli sopra i tre anni godrà di uno sconto di 1034 euro (più 164 euro), se i bambini sono tre sempre al di sopra dei tre anni si risparmiano 1710 euro (più 270 euro rispetto alla precedente norma). Se a parità di reddito il bambino ha meno di tre anni la detrazione sarà di 578 euro quindi 142 euro in più. Se il figlio ha più di tre anni ma è disabile la è prevista una detrazione di 744 euro.

Insomma con le nuove norme ci saranno più vantaggi alle famiglie numerose: con l'emendamento fiscale alla legge di stabilità lo sconto fiscale, per i redditi fino a 15.000 euro, sale con due figli fino a 1.693 euro, 311 in più rispetto alla attuale normativa. Con 4 figli la detrazione reale arriva a 3.500 euro (+643 euro) sempre per la fascia di reddito di 15.000 euro. Per una famiglia con reddito a 30.000 euro, lo sconto aumenta di 123 euro in presenza di un figlio e arriva fino a +566 euro con 4 figli. I calcoli sono dell'Ufficio studi della Consulta dei Caf. Con le norme attuali le detrazioni per i figli sono pari a 800 euro (900 euro nel caso di bambini sotto i tre anni di età). Con l'emendamento fiscale alla legge di stabilità dei relatori aumentano di 180 euro e passano dunque rispettivamente a 980 e 1.080 euro. Questo è lo sconto 'teorico' ma diminuisce con l'aumentare del reddito. La Consulta nazionale dei Caf ha fatto i calcoli su vari tipi di famiglia. Nei nuclei con un solo figlio, lo sconto andrà dagli 825 euro per i redditi annui pari a 15.000 euro fino ai 155 euro per i redditi familiari pari a 80.000 euro, con un aumento che va dal massimo di +152 euro per la fascia più bassa fino ai +28 euro per quella più alta. Gli sconti si annullano per i redditi oltre i 95.000 euro. Ma in presenza di più figli i benefici sono maggiori e abbracciano anche le fasce di reddito più alte.

Se l'articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l'apposita funzione

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato