Sindacati di categoria, la mappa della rappresentatività: prima la Fimmg

Redazione DottNet | 22/11/2012 15:14

Resta sostanzialmente invariata la classifica delle rappresentatività sindacali nel comparto convenzionati, in base ai dati diffusi nei giorni scorsi dalla Sisac. Per quanto riguarda la Medicina generale, la Fimmg si conferma in vetta con il 64,17% delle deleghe, seguita dallo Snami (17,24%), dallo Smi (12,07%) e, a distanza, da Intesa sindacale (Cisl medici, Fp Cgil medici, Simet e Sumai), al 5,95%.

 Negli ultimi due anni tutti hanno sostanzialmente mantenuto la posizione. Nella specialistica ambulatoriale si riconferma il Sumai, che fa la parte del leone con il 79,19% (nel 2010 erano l'82,13%). Al secondo posto si p iazza  Cisl medici con il 7,83% ( il 7,44% del 2010). Balzo in avanti della Uil Federazione medici, passata dal 5,92% di due anni fa al 7,47% attuale. Da sottolineare che gli specialisti ambulatoriali sono gli unici che hanno aumentato le deleghe: dalle 11.874 del 2010 alle 12.651 attuali. Per quanto riguarda la pediatria di libera scelta, infine, è ancora Fimp a raccogliere il più alto numero di deleghe, con il 77,01%. Tuttavia il sindacato fa registrare la più alta perdita di iscritti di tutta l'area convenzionata: fino 1° gennaio 2010 le deleghe erano infatti l'88,26%. Seguono la Federazione Cipe-Simpef con il 17,23% e la Smi-Unp Federazione pediatri, a quota 5,05%.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato