L’uso dell’aspirina riduce il rischio di tumore al fegato. Studio pubblicato sul Journal del National Cancer Institute

Redazione DottNet | 02/12/2012 10:43

aspirina farmaci oncologia tumore-epatico epatopatie

L'uso regolare di aspirina ridurrebbe l'incidenza del tumore al fegato piu' diffuso - 'il carcinoma epatocellulare' - e nei pazienti che sono gia' stati colpiti dalla neoplasia o da altre patologie epatiche croniche abbasserebbe comunque il tasso di mortalita':e' quanto emerge da un nuovo studio americano condotto su oltre 300.000 partecipanti per 12 anni. Pubblicato sul Journal del 'National Cancer Institute' - che ha realizzato l'indagine - lo studio, rivela che tra consumatori abituali di aspirina il tumore del fegato e' risultato incidere in maniera inferiore del 41% rispetto agli altri volontari che non usavano l' acido acetilsalicilico.

Inoltre, il tasso di mortalita' tra chi prendeva aspirina ogni giorno e soffriva di malattie epatiche croniche e' risultata inferiore del 46%.  Gli studiosi non hanno osservato invece benefici in termini di ridotta presenza di tumori tra i volontari che utilizzavano altri farmaci antinfiammatori non steroidei. Tra di loro e' pero' emersa una mortalita' per patologie epatiche croniche piu' bassa del 26% rispetto a chi non usava alcun medicinale contro le infiammazioni.