Attività fisica per combattere il diabete: un decalogo nei centri italiani

Redazione DottNet | 03/11/2008 19:05

aziende diabete farmaci obesità sport

Fare attività fisica, imparando ad usare anche gli spazi quotidiani come la casa o l'ufficio, per trenta minuti al giorno: è una delle prime regole per prevenire e combattere il diabete secondo il 'Decalogo barometro sul diabete e attività fisica in Italia', presentato a Roma in occasione della consegna dei premi 'Changing diabetes' promossa da Federazione italiana Hockey su prato, associazione nazionale italiana Atleti diabetici e l'azienda farmaceutica Novo Nordisk.

 Il decalogo, che sarà distribuito nei centri diabetici, è stato realizzato sotto l'egida del ministero della Salute, della Federazione internazionale contro il diabete e di Diabete Italia. La scelta, ha osservato il coordinatore del gruppo Wellness metabolico e Dawn Italia, Pierpaolo De Seo, ''di diffondere il messaggio dell'attività fisica costante per combattere il diabete, mediante un manifesto che sarà distribuito nei centri per la cura del diabete, è stata fatta per proporre in modo positivo i contenuti che mirano a migliorare lo stile di vita della popolazione italiana''.
Fiero del messaggio che emerge dal decalogo, ovvero dello sport come ausilio per affrontare alcuni tipi di malattie, quali obesità e diabete, si è detto il presidente del Coni, Giovanni Petrucci, nel saluto di apertura. Per il sottosegretario agli affari esteri Vincenzo Scotti intervenuto alla presentazione del decalogo, lo sport deve diventare un ''protagonista'' del nostro stile di vita per evitare che malattie quali diabete e obesità che ''stiamo esportando'' anche nei Paesi in via di sviluppo facciano deflagrare il mondo. Il decalogo, ha sottolineato Paolo Cavallo Perin, presidente della società italiana di Diabetologia, è un esempio di come le società scientifiche deve dialogare con la società civile sul tema dell'attività fisica, ''dialogo - ha aggiunto - che è necessario per affrontare un problema dilagante come quello del diabete''.