Codacons, il tribunale condanna la presidenza del Consiglio a risarcire 20 milioni ai medici specializzati

Professione | Redazione DottNet | 12/12/2012 18:49

Risarcimento record, per circa 20 milioni, in favore di 433 medici specializzati che avevano fatto ricorso attraverso il Codacons per farsi riconoscere gli anni di specializzazioni non retribuite. Lo ha deciso oggi la II sezione civile del Tribunale di Roma che ha condannato la Presidenza del Consiglio ad un risarcimento pari a 6mila e 714 euro per ciascun medico per ogni anno di specializzazione. Nel motivare la sua decisione il Tribunale scrive che ''la violazione perpetrata dallo Stato Italiano, che ha tardivamente ed in modo errato ed incompleto trasposto a livello nazionale le direttive comunitarie sufficientemente precise e circostanziate, da' luogo ad un illecito da inadempimento di una obbligazione''.

 ''Si tratta di una sentenza molto importante, che riconosce i diritti lesi dei medici italiani e dispone un mega-risarcimento danni in loro favore - spiega il presidente Carlo Rienzi - Questa sentenza si aggiunge alla precedente ottenuta dal Codacons, e porta a quasi 1.000 il numero totale degli specializzati risarciti grazie alla nostra associazione, per una somma complessiva pari a circa 42 milioni di euro di indennizzo''. Il Codacons annuncia, inoltre, che avviera' una serie di nuovi ricorsi per conto dei medici specializzati iscritti al sindacato Sumai, i quali potranno avvalersi dell'assistenza agevolata dell'associazione ed ottenere un identico risarcimento.

Se l'articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l'apposita funzione

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato