Decreto sviluppo, via libera dalla Camera: spinta ai generici, via libera a ricetta e fascicolo elettronico

Redazione DottNet | 13/12/2012 18:41

Principio attivo sempre nella prescrizione, ricetta e fascicolo sanitario elettronici, registri dei tumori. Sono alcune delle novita' per la sanita' contenute nel decreto Sviluppo che ha ricevuto il definitivo via libera da parte della Camera.

- 'SPINTA' A GENERICI: il testo, approvato nella versione gia' licenziata con la fiducia dal Senato, contiene il 'restyling' della norma introdotta dalla spending review sulla prescrizione dei farmaci, una 'spinta' alla diffusione anche nel nostro Paese dei medicinali generici. La mediazione raggiunta tra Sviluppo e Salute, dopo il tentativo da parte di diversi senatori di cancellare del tutto la norma, prevede che, in presenza di farmaci equivalenti, nella ricetta sia sempre indicato il principio attivo dei farmaci, anche quando il medico scelga comunque di prescrivere una determinata 'griffe'. L'indicazione di una specifica marca resta vincolante per il farmacista quando sia indicata la non sostituibilita' e quando il farmaco abbia un prezzo pari a quello di rimborso ''fatta salva diversa richiesta del cliente''. Sempre in materia di medicinali, le aziende farmaceutiche potranno ridurre il prezzo dei propri medicinali a brevetto scaduto in contemporanea all'entrata in commercio di un equivalente (viene abrogata infatti una norma del 2009 che consentiva per i primi 9 mesi di abbassare i prezzi ma non a livello dell'equivalente).

- RICETTA E FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO: E' istituito il fascicolo sanitario elettronico, che sara' alimentato esclusivamente sulla base del consenso libero e informato da parte dell'assistito (che puo' decidere se e quali dati relativi alla propria salute non devono essere inseriti) ai fini di prevenzione e cura, ma anche di studio e ricerca scientifica e programmazione sanitaria (potete scaricare il report di Merqurio sulla sanità elettronica cliccando qui: avrete accesso al Gruppo dove sono indicate le istruzioni per ottenere il documento) Un successivo decreto attuativo dovra' stabilire le modalita' di accesso da parte dei cittadini ai servizi sanitari online. Dal primo gennaio 2013 anche le cartelle cliniche potranno essere conservate anche solo in forma digitale. Impulso anche alla ricetta elettronica che dovra' essere adottata gradualmente al posto di quella cartacea in percentuali che, in ogni caso, non dovranno risultare inferiori al 60% nel 2013, all'80% nel 2014 e al 90% nel 2015. Dal 2014 le prescrizioni elettroniche per i farmaci saranno valide su tutto il territorio nazionale. 

- REGISTRI TUMORI: Sono istituti, a livello nazionale e regionale, sistemi di sorveglianza e registri di mortalita', di tumori e di altre patologie, di trattamenti costituiti da trapianti di cellule e tessuti e trattamenti a base di medicinali per terapie avanzate o prodotti di ingegneria tessutale e di impianti protesici. Le Regioni potranno istituirne anche altri rispetto a quelli previsti di rilevanza regionale .

Clicca qui per iscriverti al gruppo

Se ti è piaciuto l'articolo inoltralo ad un collega utilizzando l'apposita funzione

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato