Federanziani attiva il registro sugli over 65 affetti da diabete

Diabetologia | Redazione DottNet | 17/12/2012 19:03

 

Avere numeri certi sugli anziani over-65 affetti da diabete che oggi, su un totale di i 12 milioni di over-65 in Italia, si stima non possano essere un numero inferiore a 1-1,2 milioni di persone. Nasce con questo obiettivo il Registro diabete di FederAnziani.   A partire da gennaio 2013, sara' dunque attivato il Registro diabete dedicato agli over-65; un registro per il monitoraggio epidemiologico del diabete mellito e delle sue complicanze, e soprattutto finalizzato a ''far emergere le criticita' dal punto di vista dei pazienti, oggi vittime dell'immobilismo da parte dei decisori''. 

 

Il Registro sara' on-line (accessibile attraverso le 2 mila sedi FederAnziani) e comprendera' anche i dati dei medici di medicina generale aderenti a FederAnziani. Saranno inclusi dati anagrafici, variabili cliniche, controlli periodici, diagnosi, dati sull'autocontrollo, attivita' fisica, educazione sanitaria, complicanze. ''Il registro servira' da un lato a collezionare i dati per le analisi periodiche - sottolinea il presidente di FederAnziani Roberto Messina - e dall'altro sara' sfruttato per favorire l'interscambio continuo di informazioni. Di fronte all'immobilismo di chi dovrebbe averlo gia' fatto da anni, la societa' civile - afferma - sopperisce a queste gravi lacune''. ''Ottima l'iniziativa di FederAnziani, che da gennaio 2013 attivera' il registro diabete per gli over 65: un volano e un esempio fondamentale per le Istituzioni''. Lo dichiara in una nota la senatrice dell'Api Emanuela Baio. ''Questa iniziativa - afferma Baio - si colloca in uno scenario in cui il nostro Paese ha gia' dimostrato di eccellere, essendo stato selezionato tra i sei migliori a livello europeo un progetto, coordinato proprio dal nostro Paese, in materia di metodologia di raccolta dati epidemiologici. Avere dati certi e' fondamentale per poter effettuare una corretta programmazione sanitaria. Lo stesso principio e' contenuto nel decreto crescita da poco approvato, che prevede, tra l'altro, all'articolo 12 l'istituzione di registri di patologia per la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione, la programmazione sanitaria, la verifica della qualita' delle cure e la valutazione dell'assistenza''. L'iniziativa di FederAnziani, dunque, conclude Baio, ''deve servire da stimolo e da esempio per le Istituzioni che nei prossimi mesi saranno chiamate a dar vita ad un registro nazionale e a paralleli registri regionali proprio sulla patologia diabetica''.

Se l'articolo ti è piaciuto inoltralo ad collega utilizzando l'apposita funzione

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato