Farmaci anti-ipertensivi riducono lo sviluppo di demenze senili

| 11/01/2013 11:59

antipertensivo alzheimer

Un recente studio che verrà presentato a San Diego in occasione dell'American Academy of Neurology ha recentemente dimostrato che i soggetti che assumono farmaci beta bloccanti nella terapia antipertensiva presentavano minori probabilità di sviluppare nel tempo patologie cerebrali come l'Alzheimer o altri tipi di demenza.

 

E’ stata condotta una ricerca su 774 pazienti, tra questi 610 in trattamento con farmaci contro la pressione sanguigna alta, il quindici per cento di questi ultimi solo con beta bloccanti, il 18 per cento con beta bloccanti in associazione e i rimanenti erano in terapia con altri farmaci anti-ipertensivi. Il confronto tra i vari gruppi di trattamento ha fornito risultati simili: in tutti i pazienti si è evidenziata una diminuita tendenza allo sviluppo di demenze senili rispetto al placebo. I pazienti sottoposti esclusivamente a farmaci beta bloccanti hanno mostrato il più basso profilo di alterazioni neuronali correlabili all'Alzheimer.
 

Bibliografia: Lon White del Pacific Health Research and Education Institute di Honolulu. Abstract American Academy of Neurology. San Diego. 2013 

Clicca per tenerti aggiornato