Cimo, nessun partito spiega che cosa intende fare per la sanità

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 14/01/2013 18:16

E' iniziata la campagna elettorale, ma ''nessuno schieramento ha ancora dichiarato cosa intende fare per salvare il Sistema sanitario nazionale. Anche chi ha provato ad affrontare la questione in modo piu' pragmatico non ha alla fine presentato proposte concrete. Eppure si tratta dell'8% del PIL e della tutela della salute dei cittadini''. Lo afferma il sindacato medico Cimo-Asmd, che dice ''basta ai tagli lineari ed alla difesa ad oltranza di quello che si e' rivelato fallimentare''.

''Chiediamo ai partiti una riforma globale del sistema sanitario, a partire - afferma il sindacato in una nota - da una modifica del titolo V della Costituzione che dia al Parlamento ed al Governo la facolta' di determinare i livelli di assistenza e di intervenire con atti sostitutivi qualora le Regioni non mettano in atto i necessari provvedimenti''. Inoltre, le Regioni, conclude il Cimo-Asmd, ''hanno affossato il Ddl sul Governo clinico a la legge Balduzzi non e' intervenuta sulle origini del malfunzionamento''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato