Pesce nel menù riduce eczema nei bimbi

Redazione DottNet | 04/11/2008 14:51

Pesce in pappe e minestrine per una pelle di seta e prova di eczema. Sembra infatti che introdurre il pesce nella dieta di un bimbo, prima dei nove mesi di vita, riduca il rischio di eczema. Un fastidioso problema in aumento nei Paesi occidentali, avvertono i ricercatori svedesi autori di uno studio pubblicato sugli 'Archives of Disease in Childhood'. Gli studiosi hanno monitorato la salute di 5 mila bimbi piccoli, scoprendo che l'introduzione precoce di merluzzi e sogliole nelle pappe riduce di un quarto il pericolo di eczema. I bimbi monitorati facevano parte di un gruppo di 17 mila neonati venuti alla luce nel 2003 e seguiti, dal punto di vista alimentare e medico, attraverso questionari compilati da mamma e papà.

A sei mesi il 13% dei genitori ha detto che il proprio bimbo soffriva di eczema, problema che è salito al 20% entro il primo compleanno. I geni sembrano avere un ruolo predominante: i piccoli con un fratellino o la mamma affetti da eczema sono due volte più a rischio di sviluppare la malattia entro i 12 mesi di vita, rispetto ai coetanei. Ma sembra anche che l'introduzione del pesce prima dei nove mesi abbia ridotto il rischio del 25%. "Il pesce è ricco di acidi grassi omega-3, e questo - scrivono i ricercatori - potrebbe in parte spiegarne l'effetto sui bimbi". Ma in realtà la ricerca non ha evidenziato differenze misurabili tra i bimbi che mangiavano pesce bianco e quelli che consumavano varietà più ricche di omega-3. Insomma, il motivo dell'effetto-scudo resta ancora misterioso. In ogni caso, gli specialisti raccomandano ai genitori di consultare il pediatra prima di iniziare a introdurre il pesce nell’alimentazione del neonato.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato