Carcere e disturbi dell’umore

Psichiatria | | 25/01/2013 10:35

La maggior parte dei disordini psichiatrici più comuni sono diffusi fra i carcerati, è questa la conclusione a cui sono arrivati alcuni studiosi americani.

Esaminando il rapporto tra carcere e disturbi mentali è emerso che i due fattori formano un forte connubio, e cioè che la detenzione porterebbe allo sviluppo di disordini legati all'umore, come la depressione. Per questo è utile stabilire un percorso di reintegrazione nella società al termine del periodo detentivo, per evitare importanti implicazioni che potrebbero scatenarsi dopo il rilascio. All’ incarcerazione sono legati anche alcuni disturbi dell'umore successivi al rilascio relativi alla sensazione di "caduta in basso", tra cui un disturbo depressivo maggiore, o addirittura un disturbo bipolare.

Schnittker J, Massoglia M, Uggen C. University of Pennsylvania, Philadelphia, PA 19104-6299, USA. jschnitt@ssc.upenn.edu  Out and down: incarceration and psychiatric disorders. J Health Soc Behav.2012;53(4):448-64. doi: 10.1177/0022146512453928.

Clicca qui per tenerti aggiornato

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato