Medici e farmacisti, via libera alla formazione per le medicine complementari

Redazione DottNet | 08/02/2013 20:15

Le medicine complementari, come agopuntura, fitoterapia, omeopatia, omotossicologia e antroposofia, ufficializzate a livello nazionale grazie a un accordo approvato in sede di Conferenza Stato-Regioni, che permettera' un percorso di qualita' uniforme in tutta Italia per la formazione dei medici, dei veterinari e dei farmacisti, che potranno iscriversi in appositi elenchi di esperti tenuti dagli ordini professionali.  

Il testo del documento approvato oggi, che detta le regole per una formazione certificata, e' stato predisposto dal gruppo tecnico interregionale medicine complementari coordinato dalla Regione Toscana. Secondo quanto previsto dall'accordo, per essere definiti esperti nelle medicine complementari, i medici dovranno seguire master universitari o corsi formativi triennali per 500 ore teorico pratiche, a cui si accompagnano studio individuale, formazione guidata e tirocinio presso medici esperti. Completano l'accordo gli obiettivi formativi, la metodologia didattica, i requisiti dei docenti e le norme transitorie per la fase di prima applicazione. Secondo quanto previsto, gli istituti di formazione, pubblici e privati, potranno erogare corsi accreditati riconosciuti a livello nazionale.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato