Dolore cronico e cure palliative, ecco la bozza di accordo sulle linee guida per le professionalità e le strutture

Redazione DottNet | 04/03/2013 19:55

Cure palliative e dolore cronico sono una spina per i medici e per le strutture. C’è tuttavia una bozza di accordo (clicca qui per scaricare il documento completo) che sancisce i requisiti minimi in termini di conoscenza, competenza e abilità che le figure professionali devono possedere per poter svolgere l'attività di cura nelle strutture sanitarie pubbliche e private e nelle organizzazioni professionali senza scopo di lucro (clicca qui per vedere la video intervista al prof. CEsare Bonezzi, esperto del ministero della Salute).

Tra queste la capacità d’individuare e riconoscere il malato oncologico e non  per assisterlo nella fase terminale della sua vita. E ancora sapere presentare ai pazienti e ai sui familiari le finalità dell’assistenza domiciliare o del ricovero in Hospice per prestare le cure palliative e quindi  sapere gestire anche dilemmi etici che si presentano nella cura dei malati in fase terminale. Il Provvedimento mette sotto la lente tutti i professionisti coinvolti nella rete assistenziale delle cure palliative: dai medici esperti in cure palliative per adulti e bambini, ai medici di medicina generale, dagli infermieri, agli psicologi, ai fisioterapisti fino agli assistenti sociali, agli operatori socio sanitari, ai terapisti occupazionali e ai dietisti. L’accordo stabilisce anche  che il funzionamento delle reti assistenziali è garantito, a seconda della patologia e del quadro clinico, anche con la partecipazione di ulteriori figure professionali già presenti nelle strutture territoriali.

Clicca qui per iscriverti al Gruppo

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato