Witty (Glaxo): in futuro i farmaci costeranno di meno

Aziende | Redazione DottNet | 16/03/2013 15:25

In futuro i farmaci costeranno meno, grazie alla maggiore efficienza nel loro sviluppo. La previsione e' stata fatta da Andrew Witty, amministratore delegato della multinazionale GlaxoSmithKline, durante una conferenza a Londra.   "Non e' irrealistico pensare che le nuove innovazioni arrivino a prezzi uguali, o anche inferiori a quelli dei prodotti che le hanno precedute - ha afferma Witty -. Non abbiamo visto questo fenomeno nell'industria farmaceutica, ma e' completamente normale nelle altre industrie". 

 

Tradizionalmente, ha proseguito l'esperto, le compagnie hanno studiato i prezzi in modo da pagare il miliardo di dollari necessario per sviluppare un singolo farmaco: "Ma questa cifra e' uno dei grandi miti dell'industria - ha affermato - perche' e' un prezzo medio che tiene conto anche dei costi dei farmaci i cui test falliscono. La mia azienda ha aumentato il ritorno degli investimenti in ricerca e sviluppo del 30% negli ultimi anni grazie ai minori fallimenti dell'ultima fase di sperimentazione".  Secondo Witty e' probabile che i risparmi nello sviluppo vengano poi tradotti in prezzi minori per il mercato. Da uno studio dell'azienda Deloitte sui 12 principali produttori di farmaci e' emerso che il costo di una nuova medicina ora e' di 1,1 miliardi di dollari. Il dato medio pero' varia molto, dai 315 milioni della compagnia piu' efficiente ai 2,8 miliardi dell'ultima in classifica.

fonte: glaxo

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato