Disordini da alimentazione notturna

Redazione DottNet | 06/11/2008 11:36

L’alimentazione notturna determina in genere insorgenza di disturbi del sonno classificati come “night eating syndrome (NES)” o “sleep-related eating disorder (SRED)”. Si tratta di condizioni caratterizzate da interruzione del digiuno durante la notte con conseguenti disturbi del sonno. Una revisione critica della letteratura relativa a queste due condizioni (NES e SRED), le pone a poli opposti dello spettro dei disordini alimentari.

NES potrebbe essere considerata una anormalità del ritmo circadiano del sonno relazionabile al momento del pasto notturno, ma con un tempo circadiano normale del sonno iniziale. Al contrario, il comportamento alimentare in SRED è caratterizzato da ricorrenti episodi di alimentazione dopo un risveglio dal sonno notturno con o senza amnesia. Entrambe le condizioni sono spesso croniche. Definizioni multiple dell’alimentazione notturna hanno limitato la possibilità di determinare l’esatta prevalenza di NES. Alcuni studi hanno suggerito che la modulazione della serotonina del sistema nervoso centrale può rappresentare un trattamento efficace di NES. SRED è una condizione frequentemente associata con altri disturbi del sonno, in particolare parasonnia. Studi recenti hanno mostrato che il topiramato può rappresentare un efficace trattamento di SRED.
Per saperne di più

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato