Scaccabarozzi, tutta la filiera del farmaco dev’essere unita per gestire il cambiamento

Redazione DottNet | 25/03/2013 18:54

Dopo questa crisi, niente sarà più come prima. Meglio quindi che la filiera lavori di comune accordo per gestire tutti assieme il cambiamento. Questo l’invito che arriva dalla seconda giornata di lavori del meeting organizzato a Pisa da Asis, l’Associazione studi sull’industria della salute. Tema portante della sessione, le formule per far ripartire il sistema Italia. E assieme il comparto farmaceutico, che rimane l’area di maggiore competitività del Paese.

Lo ha ricordato il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi: «Il 9% degli investimenti in ricerca e sviluppo fatti in Italia vengono da noi. Siamo tra i settori che più esportano, il 65% della nostra produzione va all’estero e negli ultimi tre anni le nostre esportazioni sono cresciute del 30%». Per quanto competitiva, l’industria del farmaco non trova però in questo Paese condizioni che le consentano di crescere: «I nostri prezzi sono sempre più bassi» ha ricordato Scaccabarozzi «fatto cento per l’Italia la media dei primi cinque paesi Ue è 115. La nostra spesa farmaceutica, poi, è inferiore del 26%». Per gli esperti, i problemi da superare per rimettere in moto la nostra economia sono gli stessi di sempre: bassa competitività, burocrazia pervasiva, scarso sostegno all’innovazione. Per Ornella Barra, chief executive della divisione Pharmaceutical Wholesale di Alliance Boots, la prima cosa da fare è però mettere da parte pessimismo e vittimismi. «Basta lamentarsi e piangersi addosso» ha detto «smettiamo di pensare che per superare questa crisi dobbiamo attendere che siano altri a tirarci fuori. La filiera deve lavorare insieme per il cambiamento: nel comparto la crescita sarà trainata sempre più massicciamente dai farmaci specialistici, per terapie avviate in ospedale ma poi gestite nel territorio. La farmacia deve seguire questo flusso, dobbiamo cogliere qui le nostre opportunità». Gestire il cambiamento è l’approccio da seguire anche per la presidente di Federfarma, Annarosa Racca: «A questo paese occorre una rivoluzione culturale» ha ricordato nel suo intervento «perché investire nella salute e sul farmacop in particolare può essere uno degli strumenti per il rilancio del paese. Anche noi perseguiamo l’innovazione, il nostro cambiamento si chiama riforma della remunerazione: la cerchiamo con insistenza da quasi tre anni, entro il 30 giugno dovrebbe essere definito il nuovo modello, speriamo di riuscire a chiudere la partita una volta per tutte. Un altro obiettivo è il rinnovo della convenzione, che servirà a dare finalmente luce verde alla farmacia dei servizi e allo sviluppo di progetti di pharmaceutical care nei presidi del territorio. Su questa strada, la collaborazione di tutte la filiera sarà vincente» 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: Federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato