Disturbi Ossessivo-Compulsivi e farmaci Inibitori della Ricaptazione della Serotonina: uno studio prospettico

Medical Information Dottnet | 18/04/2013 11:03

disturbi serotonina

Uno studio pubblicato recentemente ha avuto come obiettivo l’analisi del decorso longitudinale della terapia farmacologica dei pazienti affetti da Disturbi Ossessivo-Compulsivi (OCD).

La ricerca è stata incentrata sull’osservazione del disturbo in caso d’interruzione della somministrazione dei farmaci Inibitori della Ricaptazione della Serotonina (SRI); è stato condotto uno studio prospettico su 252 pazienti affetti da OCD ed il 43,7% di essi ha interrotto l’assunzione del farmaco almeno una volta durante il periodo di follow-up. I ricercatori della University of Copenhagen hanno concluso che l’incidenza di peggioramento del disturbo di tipo ossessivo-compulsivo, dopo la sospensione dei farmaci SRI, è stata associata negativamente alla gravità dell’OCD.

Grant JE, Mancebo MC, Weinhandl E, Odlaug BL, Eisen JL, Rasmussen SA. Department of Psychiatry & Behavioral Neuroscience, University of Chicago, Chicago, Illinois bDepartment of Psychiatry and Human Behavior, Butler Hospital, Brown Medical School, Providence, Rhode Island cChronic Disease Research Group, Minneapolis Medical Research Foundation, Minneapolis, Minnesota dDepartment of Public Health, Faculty of Health and Medical Sciences, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark. Longitudinal course of pharmacotherapy in obsessive-compulsive disorder. Int Clin Psychopharmacol.2013 Apr 11.

Clicca qui per tenerti aggiornato