Parafarmacie: sulla fascia C si attende la pronuncia della Corte Europea

Redazione DottNet | 02/05/2013 15:58

La sfida sulla liberalizzazione dei medicinali di fascia C entra nel vivo: a giorni infatti la Corte di Giustizia dell'Unione europea pronuncera' il verdetto finale in merito alla legittimita' della normativa italiana che vieta alle parafarmacie di vendere nei propri esercizi i farmaci con obbligo di ricetta bianca, quelli cioe' a totale carico del cittadino.

E' quanto dichiara la Federazione nazionale farmacia non convenzionata sul quesito al vaglio del massimo organo giurisdizionale europeo.   ''L'esito della pronuncia - dichiara il numero uno delle parafarmacie Giuseppe Scioscia - rappresenta un punto di svolta decisivo per le nostre sorti. Siamo fiduciosi perche' ci sono tanti punti a nostro favore, a cominciare dai requisiti professionali da noi posseduti che sono i medesimi dei titolari di farmacia: per questo ed altri motivi gia' tre Tar hanno ritenuto ingiustificate e arbitrarie le discriminazioni operate nei nostri confronti ed hanno rimesso la questione alla Corte Costituzionale e a quella di Giustizia per la valutazione finale''. Dopo Milano e Reggio Calabria infatti, anche il tribunale di Catania ha riaperto mesi fa la partita assegnando alle parafarmacie italiane un ulteriore punto decisivo nella sfida con le farmacie sulla liberalizzazione dei medicinali di fascia C.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: associazione parafarmacie

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato