Teva, giù gli utili. In arrivo un piano di ristrutturazione: primo passo il Global Specialty Medicines

Redazione DottNet | 06/05/2013 15:34

Teva Pharmaceutical Industries Ltd (TEVA) ha visto scendere gli utili del primo trimestre del 27% a causa di un vistoso calo nelle vendite dei generici e

un notevole aumento della concorrenza per il Provigil. Teva, guidata da Jeremy Levin (nella foto), sta affrontando un momento cruciale con un avanzato programma di cessioni per concentrarsi poi sulle acquisizioni di piccole e medie aziende. li investitori, tuttavia, sono stati finora scettici e ciò ha portato un calo delle azioni Teva  del 22%. Il farmaco più venduto di Teva, il Copaxone contro la sclerosi multipla fa registrare vendite in crescita del 17% a $1,06 miliardi nel primo trimestre, grazie al prezzo e alle vendite Usa. Tuttavia Teva ha anche chiesto l'approvazione negli Usa per un programma di dosaggio meno frequente di Copaxone, così da porsi in competizione con il farmaco prodotto da Biogen. L’Fda dovrebbe dare il via libera nel primo trimestre del 2014. Non va bene, invece, il Provigil, un farmaco che migliora la concentrazione ed è usato per trattare l'insonnia dopo la fine del brevetto negli Stati Uniti. Le vendite di farmaci generici Teva sono scese del 12% a $2,31 miliardi, il reddito complessivo è calato del 3,9% a $4,9 miliardi, leggermente sopra la media attesa dagli analisti di $4,85 miliardi. Teva è cresciuta grazie anche ad una serie di acquisizioni che le consentiranno di diventare il più grande produttore di farmaci generici; ha inoltre avviato un processo di diversificazione dei marchi brended. Levin ha svelato che saranno ridotti i costi annuali fino a $2 miliardi nei prossimi cinque anni e sarà ulteriormente affinata la pipeline di ricerca e sviluppo di Teva. La società prevede di realizzare vantaggi dal taglio dei costi, compresa la chiusura di un impianto in California, tra il 2014 e 2017. Teva lancerà anche un generico - o biosimilari – ovvero la versione di Amgen Inc (AMGN) e il Neupogen entro quest'anno. Mercoledì, la società ha vinto una sentenza da parte della FDA che permetterà alle donne 15 anni di età di acquistare la pillola contraccettiva Plan B senza prescrizione medica. "Questa è un’azienda che sta subendo un cambiamento significativo - ha detto Levin -. E occorre tempo affinché ciò si verifichi”.

Teva ha intanto  annunciato  l'istituzione del Global Specialty Medicines (GSM) group. Rob Koremans, che ricoprirà il ruolo di President and Ceo Global Specialty Medicines, continuerà a far parte dell'Executive Committee di Teva e riporterà a Jeremy Levin, Presidente e Ceo di Teva Pharmaceutical Industries Ltd. "La recente costituzione del Global Specialty Medicines group - ha spiegato Levin - rinforza in maniera significativa l'impegno di Teva nei confronti dei nostri pazienti, clienti e sistemi sanitari poiché unisce la forte e consolidata presenza locale nel mercato dei farmaci Generici, accessibili e di alta qualità, alle nostre dimensioni e competenze globali nell'ambito dei farmaci Specialistici".  "Il GSM group lavorerà incessantemente con i nostri team locali dedicati al farmaco generico, completandosi a vicenda, così da costituire un’unica - e al contempo differenziata presenza di Teva sul mercato - ha proseguito - la creazione di questo gruppo è una pietra miliare nella nostra strategia per ottimizzare la nostra attività commerciale e prepara la strada affinché Teva diventi l'azienda farmaceutica più indispensabile al mondo".
“Teva ha un notevole portfolio di farmaci Specialistici e questa mossa enfatizzerà e rafforzerà ulteriormente la nostra leadership e la nostra capacità di innovazione in questo campo - ha aggiunto Koremans - le eccezionali competenze di Teva nei Farmaci Specialistici sono ora concentrate nel nuovo GSM group, e in questo modo è possibile per noi adempiere più efficacemente ai doveri nei confronti dei nostri pazienti e degli altri stakeholder”.  Teva ha inoltre annunciato che Dipankar Bhattacharjee, in precedenza Senior Vice President Western Europe, è stato promosso alla posizione di President and Ceo di Generics Europe, riportando direttamente a Jeremy Levin. Bhattacharjee entrerà inoltre a far parte dell’Executive Team di Teva. Jeremy Levin ha commentato così la promozione di Bhattacharjee: “Diamo il benvenuto a Dipankar in questo nuovo ruolo. È un leader formidabile e si impegnerà a migliorare e potenziare il business europeo dei farmaci Generici e, allo stesso tempo, costruirà e manterrà strette interazioni con il GSM team".  Come conseguenza dei cambiamenti avviati, Larry Downey, precedentemente Executive Vice President di Teva US Brands, è stato nominato President, North America Specialty Medicines, riportando direttamente a Rob Koremans.
 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: teva

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato