Farmaco biotech contro la cheratite neurotrofica

Redazione DottNet | 12/05/2013 11:09

farmaci oculistica

Si sono riconvertiti al settore biotech e, tra vicissitudini come la chiusura per un mese dello stabilimento a L'Aquila dopo il terremoto che ha colpito l'Abruzzo, stanno studiando un farmaco che potrebbe sconfiggere la cheratite neurotrofica, una malattia degenerativa della cornea che colpisce una persona su diecimila e per la quale attualmente non esiste cura.

Il rimedio, secondo i dirigenti della Dompe', una delle principali aziende biofarmaceutiche italiane con sede e centro di ricerca in Abruzzo, potrebbe essere immesso sul mercato entro il 2017. Alla base un fattore di crescita nervoso, il Nerve growth factor (ngf), la cui scoperta negli anni '50 era valsa il premio Nobel a Rita Levi Montalcini, e il cui brevetto era di proprieta' della societa' Anabasis fondata dagli scienziati del gruppo Montalcini. ''Per 50 anni era rimasta nel cassetto una scoperta incredibile - ha spiegato Eugenio Aringhieri, amministratore delegato della Dompe' - e noi abbiamo deciso di sviluppare la ricerca di base sull'Ngf in oftalmologia, ottenendo risultati incoraggianti''. Per questo la Dompe' ha acquisito Anabasis e la proprieta' del brevetto, investendo milioni di euro nella ricerca. ''Abbiamo creduto nel biotech perche' in un momento di grandi cambiamenti nella medicina si sono presentate grosse opportunita' - ha concluso - anche per offrire risposte al bisogno di cure per malattie per le quali finora non esiste rimedio''.