In che modo i fosfolipidi ipotalamici influenzano il ciclo ovarico?

Fidia Detailing | 27/01/2014 11:02

Studi condotti in passato hanno dimostrato che una dose di H-PL (fosfolipidi ipotalamici) somministrata per via i.v., ha influenzato i livelli plasmatici di: gonadotropine, prolattina (PRL) e dell’ormone della crescita (GH).

Nonostante ciò la somministrazione cronica dei H.PL, a dosi terapeutiche, non è in grado di influenzare il ciclo ovarico; alla luce di questi dati è stata effettuata una ricerca che analizza la possibile relazione tra la somministrazione cronica i.m. dei fosfolipidi ipotalamici e la funzione ovarica.

La sperimentazione è stata condotta su 4 donne, ad ognuna sono stati somministrati 100mg al giorno di H-PL a partire dal 5° giorno del ciclo fino al 20° giorno; dalle prime analisi del sangue è emerso che i livelli plasmatici di FSH, LH, E2, PRL e progesterone sono risultati nei limiti, a differenza dei livelli di GH che hanno subito dei picchi, rientrati però nella norma rapidamente.

I ricercatori hanno quindi concluso che la somministrazione i.v. ad alte dosi di fosfolipidi ipotalamici può provocare diversi effetti ormonali, rispetto, invece, ad una somministrazione cronica i.m. con trattamento a dosi terapeutiche. Infatti il principale effetto farmacologico dei fosfolipidi è quello di aumentare le concentrazioni delle ammine biogene nel cervello modulando il comportamento.

Bibliografia: Noci I, Bruni V, Chelo E, Saltarelli O, Messori A, Scarselli G. Chronic phospholipid liposomes administration and ovarian function. Acta Eur Fertil. 1985 Sep-Oct;16(5):355-9.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato