Obesità in gravidanza: un pericolo non solo materno

Medical Information Dottnet | 24/05/2013 10:22

L’obesità materna richiama all’attenzione le condizioni patologiche a cui può andare incontro la prole

Uno studio recentemente pubblicato su Endocrinology ha analizzato gli effetti dell’obesità materna indotta dalla dieta sull’incremento di peso del feto e la variazione dell’omeostasi glucosio-insulina del bambino.

Dalla ricerca inglese è emerso che l’obesità della madre in gravidanza non ha effetti immediati sul feto, ma si ripercuote sull’infanzia del  bambino aumentando il rischio di obesità e le probabilità di sviluppare malattie cardio-metaboliche. Ciò suggerisce che le conseguenze dell’obesità indotta dalla dieta possono avere un impatto sulla prole anche  quando il fenotipo di prima generazione risulta apparentemente inalterato.  

King V, Dakin RS, Liu L, Hadoke PW, Walker BR, Seckl JR, Norman JE, Drake AJ. Medical Research Council/University of Edinburgh Centre for Reproductive Health (V.K., J.E.N.) and Endocrinology Unit (R.S.D., L.L., P.W.F.H., B.R.W., J.R.S., A.J.D.), University/British Heart Foundation Centre for Cardiovascular Science, University of Edinburgh, The Queen's Medical Research Institute, Edinburgh EH16 4TJ, United Kingdom. Maternal Obesity Has Little Effect on the Immediate Offspring but Impacts on the Next Generation. Endocrinology. 2013 May 21.

Clicca qui per tenerti aggiornato

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato