Nuova Sars, per Rezza (Iss) è un virus inarrestabile

Redazione DottNet | 07/07/2013 10:17

infettivologia iss pandemia

Le evidenze suggeriscono di mantenere ''alta'' l'attenzione per il virus Mers, più conosciuto come 'nuova Sars', poiché ''si tratta di un virus altamente letale e che non sembra arrestarsi, anche se al momento non c'è una situazione di allarme pandemico''.

 Ad affermarlo è Gianni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell'Istituto superiore di sanita' (Iss), secondo il quale è proprio per questa ragione che l'Organizzazione mondiale della Sanità ha annunciato l'insediamento di una commissione di esperti che dovrà valutare eventuali misure nel caso sopraggiunga il sospetto di un potenziale pericolo globale.  ''In questo momento - spiega l'esperto - l'Oms sta valutando qual è il potenziale epidemico di questo coronavirus, anche se un nuovo studio pubblicato dalla rivista Lancet sembrerebbe attribuire al virus Mers un potenziale epidemico molto basso''.  Una rassicurazione che però non basta, dal momento che bisogna considerare che, d'altra parte, ''casi gravi di infezione continuano a verificarsi in Arabia saudita ma anche in Europa, con un recente decesso di un uomo in Inghilterra''. Quindi, avverte Rezza, ''anche se per il momento non c'è allarme, si tratta di un'infezione comunque altamente letale e che sembra non arrestarsi''. Sulla scorta di tali evidenze, dunque, ''credo che l'Oms - rileva Rezza - voglia valutare meglio la situazione''.  Ad oggi infatti, precisa l'esperto, ''su questo virus ci mancano ancora molte informazioni, a partire da quale sia con certezza il serbatoio animale dal quale parte e quanto ampia sia la sua circolazione, a parte i casi più gravi di cui si è a conoscenza. Questi elementi ancora mancano''. In mancanza di certezze, dunque, conclude l'esperto dell'Istituto superiore di sanità, ''è logico e condivisibile che l'Organizzazione mondiale della sanità tenga alto il livello di attenzione, anche con la convocazione di un Comitato di emergenza''.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: Iss