Bene per il cuore i nuovi antidiabetici

Redazione DottNet | 02/09/2013 17:54

cardiologia diabete diabetologia farmaci sanità-pubblica

I farmaci antidiabete di nuova generazione, conosciuti con la sigla Dpp-4, non aumentano il rischio di attacchi di cuore. Lo affermano due studi pubblicati dal New England Journal of Medicine e presentati al congresso della Società Europea di Cardiologia in corso ad Amsterdam.

Nel primo studio, dell'università del Connecticut, l'alogliptina, l'ultimo dei Dpp-4 ad essere entrato sul mercato, ha mostrato in un test su più di 5mila pazienti di avere lo stesso tasso di eventi cardiovascolari gravi, dall'infarto all'ictus, dei pazienti trattati con placebo (11,3 contro 11,8%). ''Il fatto che gli eventi non aumentino è rassicurante - spiega William White, che ha coordinato la ricerca - al momento però non è stata ancora trovata una molecola che tenga basso il glucosio nel sangue e allo stesso tempo riduca il rischio cardiovascolare, un problema importante per i pazienti diabetici che sono spesso ad alto rischio da questo punto di vista''.  Nell'altra ricerca, del Brigham and Women's Hospital di Boston, è stata testata la saxagliptina, un altro farmaco della stessa classe. Anche in questo caso il rischio di attacchi cardiaci non è risultato aumentato, ma i ricercatori hanno trovato un piccolo aumento del rischio di ricovero per insufficienza cardiaca in chi assumeva il farmaco. 

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: New England Journal of Medicine