Studio, mamme di campagna più a rischio in gravidanza

Medicina Generale | Tania Vuoso | 12/11/2008 14:11

Mamme di campagna più a rischio in gravidanza. Nel contesto bucolico le donne 'col pancione' vivranno certamente più serene, ma rischiano più delle madri di città di sviluppare l'ipertensione gestazionale (Pih). Una condizione associata a sua volta al pericolo di pre-eclampsia: negli Usa la terza causa di morte più comune tra le donne che aspettano un bebè. Secondo uno studio dell'Health Sciences Center dell'università del Colorado di Denver - presentato a Philadelphia al 41esimo meeting annuale dell'American Society of Nephrology - vivere in aree rurali aumenta infatti del 56% il rischio di ipertensione Pih e pre-eclampsia. E i pericoli sono del 19% più alti anche per le donne meno istruite, sottolineano gli autori della nuova ricerca.

Gli scienziati coordinati da Rebecca Moore hanno analizzato i fattori di rischio per Pih e pre-eclampsia in oltre 362 mila madri, esaminando i certificati di nascita di bimbi nati in Colorado tra il 2000 e il 2006. Complessivamente, la frequenza delle due condizioni cliniche risultava pari al 3,3%. Passando in rassegna le caratteristiche e gli stili di vita materni, Moore e colleghi hanno innanzitutto confermato il 'peso' di fattori di rischio già noti (età superiore ai 35 anni, prima gravidanza, gravidanza gemellare o plurigemellare e aumento di peso in gravidanza). Quindi hanno evidenziato un rischio inferiore per le fumatrici (che tuttavia mostravano un aumentata probabilità di altre complicanze gestazionali, puntualizzano gli esperti), e un rischio significativamente superiore per le donne che vivevano in zone rurali. I motivi restano da chiarire, ma gli studiosi ipotizzano che il risultato possa essere collegato a condizioni di povertà e privazioni sociali più probabili nelle campagne che nelle città.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato