In Italia il primo farmaco contro le alcoldipendenze

Psichiatria | Redazione DottNet | 23/09/2013 18:07

Dal primo ottobre sarà disponibile anche in Italia Nalmefene, il primo farmaco autorizzato per la riduzione del consumo di alcol in pazienti alcoldipendenti con consumo ad elevato rischio. ''Con questo farmaco - spiega Luigi Janiri, docente di Psichiatria all'Università Cattolica - si passa da un approccio basato sull'astensione completa dal consumo di alcol a una nuova strategia, basata sulla riduzione del consumo. Questo offre il vantaggio di proporre al paziente un obiettivo di trattamento intermedio, più realistico e quindi più accettato''.

 Nalmefene è un modulatore al livello dei recettori degli oppioidi: inibendone alcuni e stimolandone altri, riduce gli effetti di rinforzo dell'alcol e aiuta le persone a ridurne il consumo. La sua efficacia e la sua sicurezza sono state testate in tre studi clinici di fase III multicentrici, in doppio cieco che hanno coinvolto complessivamente 2000 pazienti per due anni.  In Italia si stima che ci siano circa un milione di alcoldipendenti e, di questi, secondo il ministero della Salute, solo 58.000 si rivolgono ai servizi deputatati alla cura e alla riabilitazione. Un gap ampio che conferma i dati europei in cui l'abuso e la dipendenza da alcol risultano essere il disturbo meno trattato se confrontato con le altre patologie mentali quali il disturbo d'ansia generalizzato o la depressione maggiore.  ''Il nuovo paradigma di trattamento offerto da Nalmefene - secondo Emanuele Scafato, presidente della Società italiana di alcologia - punta a incrementare l'offerta di alternative terapeutiche disponibili. Il trattamento deve essere iniziato solo in pazienti che continuano ad avere un livello di consumo ad elevato rischio, due settimane dopo la valutazione iniziale, e deve essere assunto secondo necessità. Deve essere prescritto solo congiuntamente a un supporto psicosociale continuativo, mirato all'aderenza al trattamento e alla riduzione di consumo di alcol''.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: università cattolica

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato