Federfarma, contro le carenze continua la vigilanza

Redazione DottNet | 08/10/2013 19:11

aziende-farmaceutiche farmaci federfarma

Anche se Federfarma continua a marcare stretto, in tema di carenze si fanno sempre più fantasiose le scappatoie escogitate da alcuni produttori per sottrarsi agli obblighi imposti dalla 219/2006 in caso di irreperibilità nel circuito distributivo, si legge su Filodiretto.

L’ultimo caso riguarda la Ferring Farmaceutici, citata in una segnalazione giunta nei giorni scorsi al sindacato da un farmacista siciliano: in sintesi, il titolare aveva telefonato all’azienda per richiedere un medicinale soggetto a carenze nella filiera regionale, ma dall’altro capo del filo era arrivata una risposta negativa; le direttive aziendali impediscono di accettare ordini diretti, la Ferring ha predisposto un numero verde per segnalare casi di mancanti ma il servizio è disponibile soltanto per le farmacie del nord e del centro Italia. Federfarma ha subito preso carta e penna per sostenere le ragioni del titolare: il d.lgs 219/2006, è l’avvertimento del sindacato, impone ai produttori di rifornire le farmacie in caso di irreperibilità nella rete distributiva regionale entro 48 ore dalla richiesta. E senza fare distinzione tra le diverse aree geografiche del Paese. L’azienda, quindi, estenda al più presto il servizio a tutte le regioni. Ed ecco la replica alla lettera di Federfarma da parte della Ferring, in cui il produttore accampa giustificazioni che nulla hanno a che vedere con il dettato della 219/2006: l’azienda, afferma in sostanza la missiva, fa già quanto in suo potere per assicurare alle farmacie i rifornimenti di cui hanno bisogno, sulla scorta dei dati relativi allo storico dei consumi. Il servizio di ordini diretti è stato avviato soltanto in via temporanea e comunque se ne valuterà un’estensione soltanto qualora persistessero le carenze o l’aumento delle richieste di approvvigionamento. Il sindacato titolari segnalerà il comportamento dell’azienda alle autorità competenti.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: federfarma