Al collaudo dell’Aifa il database dei fogli illustrativi

Farmaci | Redazione DottNet | 14/10/2013 17:03

Dovrebbe essere sottoposta ai primi collaudi nella seconda metà del mese la Banca dati stampati dell’Aifa, il database dei foglietti illustrativi che dovrebbe mettere fine agli smaltimenti per variazioni formali dei bugiardini.

A darne notizia una circolare dell’Agenzia inviata ieri a Federfarma e alle sigle dei produttori (Farmindustria, Assogenerici e Assosalute) per fare il punto sull’articolo 44, comma 4-quinquies, della Legge 98/2013: il provvedimento, introdotto da un emendamento del senatore Andrea Mandelli, presidente della Fofi, stabilisce che «nei casi di modificazioni apportate al foglietto illustrativo» l’Aifa è autorizzata a permettere «la vendita al pubblico delle scorte, subordinandola alla consegna al cliente, a cura del farmacista, di un foglietto illustrativo sostitutivo conforme a quello autorizzato». Per l’Agenzia, il comma potrà trovare attuazione soltanto quando la Banca dati stampati (Bds) sarà operativa. «Gli uffici competenti dell’Aifa» ricorda a tal proposito la circolare «stanno già lavorando da diversi mesi con il fornitore informatico per progettare il sistema di pubblicazione degli stampati Bds sul nostro portale». Il collaudo del sistema, prosegue la nota, è stato pianificato nella seconda metà del mese; completata tale fase, «saremo lieti di condividere le modalità più appropriate per l’attuazione del comma 4-quinquies». Fino a quel momento, rimarranno in vigore gli attuali criteri per lo smaltimento scorte

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: federfarma, aifa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato