Da piante di tabacco vaccino anti-linfoma, test su uomo

Redazione DottNet | 14/11/2008 12:16

linfomi

Dalle piante di tabacco arriva un possibile vaccino contro il linfoma follicolare a cellule B, che ogni anno negli Stati Uniti colpisce 16 mila persone. Il tabacco dunque, provoca il cancro, ma potrebbe anche curarlo. A testare il vaccino per la prima volta sull'uomo sono gli scienziati della Stanford University School of Medicine (Usa). Gli esperti statunitensi hanno appena concluso la fase I di sperimentazione clinica sul vaccino prodotto con piante geneticamente modificate, per testarne la sicurezza: nessuno dei 16 malati 'arruolati' ha mostrato eventi avversi.

Sarà necessario verificare se il siero è in grado di rendere immuni i pazienti dalle loro stesse cellule cancerose, senza gli effetti collaterali della chemioterapia. In caso di risultati positivi dei test, i medici disporrebbero di un trattamento precoce e personalizzato contro il linfoma.
Le fasi successive della sperimentazione serviranno a verificare l'efficacia del prodotto, che si ottiene facilmente con materie prime dal costo molto basso. "Poiché gli anticorpi di ciascun paziente sono diversi fra loro - spiega Ronald Levy, principale autore dello studio - ogni malato ha bisogno di un vaccino personalizzato, facilmente ottenibile utilizzando le piante. E con un siero del genere è possibile aggirare una serie di problemi, primo fra tutti il tempo necessario per la produzione”.