Sanità elettronica, Italia indietro. La strategia per il Patto

Redazione DottNet | 26/10/2013 16:44

L'informatizzazione della sanità consentirebbe di risparmiare sette miliardi di euro all'anno, ma gli investimenti economici in questo campo sono ancora troppo pochi, ammontano appena a 920 milioni di euro. Questi i dati emersi a Roma durante il convegno "Professioni Sanitarie ed Information Communication Technology".

Questo fa sì che l'Italia si collochi al trentesimo posto nella classifica mondiale dell'eHealth (la sanità digitale), mentre maggiori risorse destinate all'Ict consentirebbero un risparmio maggiore di quello che occorre per evitare potenziali aggravi di ticket sulle prestazioni, stimati oggi in 5,3 miliardi. Risparmi preziosi in un momento in cui il paese deve combattere gli sprechi anche all'interno della strategia che dovrà essere definita all'interno del Patto della Salute. A spiegarlo è Antonio Bortone presidente del Conaps, il Coordinamento nazionale delle associazioni professioni sanitarie, secondo il quale "partendo da progetti formativi e attraverso l'individuazione di un piano di sviluppo dell'ICT a livello nazionale si potrà colmare il divario tecnologico, culturale ed economico dell'Italia rispetto agli altri competitor europei". Nel dettaglio tre miliardi di euro si potrebbero risparmiare grazie alla deospedalizzazione di pazienti cronici mediante l'utilizzo di tecnologie per l'assistenza domiciliare, mentre la cartella clinica elettronica consentirebbe di tagliare oltre un miliardo di euro. 860 milioni potrebbero essere risparmiati grazie alla dematerializzazione dei referti e delle immagini e altri 370 milioni grazie alla consegna dei referti via web. Inoltre, sebbene la sanità elettronica in Italia non sia ancora al massimo delle potenzialità, vi sono alcune best practices a cui si potrebbe attingere a livello regionale: ad esempio l'azienda ospedaliera di Desio e Vimercate ha implementato l'utilizzo della cartella clinica elettronica in un contesto multi-presidio, mentre all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze i dati clinico-sanitari e amministrativi, presenti nei diversi applicativi aziendali, possono essere analizzati per la gestione aziendale. L'azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova ha un portale in cui confluiscono tutte le informazioni provenienti dai diversi operatori socio-sanitari, mentre al San Camillo di Venezia si sta sperimentando un modello di teleriabilitazione. Gli operatori della sanità si preparano quindi a un futuro di digitalizzazione e il loro ruolo importante e' stato sottolineato anche dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin. "Il sistema sanitario nazionale opera nell'esclusivo interesse dei cittadini - ha scritto in un messaggio inviato agli organizzatori del convegno il ministro - il costante impegno delle associazioni di categoria delle professioni sanitarie dimostra la vocazione pubblicistica e di garanzia nei loro confronti, per offrire la migliore qualità professionale nelle prestazioni".

Clicca qui per iscriverti al Gruppo

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: conaps

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato