Se il bambino ha la febbre: farmaci si, farmaci no?

Pediatria | | 29/10/2013 10:38

«All’84% dei bambini viene somministrato paracetamolo nei primi sei mesi di vita. Una percentuale di questi potrebbe sviluppare autismo o asma».

È quanto affermato da due studi pubblicati sulle riviste Environmental Health e ACTA, che hanno investigato sulla correlazione tra queste patologie e l’assunzione di paracetamolo. «I bambini che sono metabolizzatori lenti», spiega Sima Ash, nutrizionista omeopata e autore dello studio, «sono a più alto rischio, in quanto normali dosi terapeutiche potrebbero trasformarsi in più elevati livelli ematici di farmaco».

Secondo uno studio condotto in Spagna, il paracetamolo riduce i livelli di glutatione nei polmoni e nel sangue, comportando danni ai tessuti polmonari.

No, dunque, al paracetamolo per le febbri infantili, soprattutto se non alte. Si, invece ai prodotti omeopatici, come belladonna e erbe.

Se vuoi approfondire leggi: Is acetaminophen partially responsible for the rise in autism?

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato