Aifa, da oggi la banca dati del farmaco

Farmaci | Redazione DottNet | 13/11/2013 13:57

“Da oggi è fruibile online per tutti la prima Banca Dati ufficiale dei Farmaci in Italia, uno strumento elettronico dinamico, unico a livello internazionale, validato dall’AIFA e dall’EMA, da cui è possibile ottenere informazioni e documenti aggiornati relativi ai medicinali autorizzati nel nostro Paese”. Lo ha affermato il direttore Generale dell’AIFA, Luca Pani, in occasione della presentazione della Banca Dati Farmaci dell’AIFA, che si è tenuta a Roma.

 “La navigazione della Banca Dati è semplice e intuitiva – ha proseguito il Direttore – Al momento contiene oltre 16.000 documenti (Fogli Illustrativi e Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto) e informazioni su oltre 66.400 confezioni autorizzate. Si tratta di uno strumento prezioso, se consideriamo che, solo nel 2012, le richieste di variazione sono state 5.000: è evidente che sarà un grande vantaggio – per il cittadino, per il medico prescrittore, per il farmacista – avere l’opportunità di verificare in tempo reale se i fogli illustrativi dei farmaci già acquistati o distribuiti nel frattempo siano stati aggiornati. Era un obiettivo fondamentale per l’AIFA, nell’ottica della trasparenza, valore fondante dell’Agenzia e principale baluardo contro ogni forma di corruzione. Siamo lieti quindi di poter mettere finalmente a disposizione dei cittadini e dei professionisti della salute uno strumento che sarà utilissimo per garantire una maggiore sicurezza nella prescrizione e nell’uso dei farmaci”. Il Direttore ha sottolineato il notevole sforzo dell’Agenzia per “trasformare, ridisegnare e consolidare i suoi sistemi informativi (65 sistemi maggiori) all’interno di un’unica piattaforma applicativa ed infrastrutturale” e, tra i risultati già conseguiti, oltre alla Banca Dati Farmaci ha voluto ricordare i Registri dei Farmaci sottoposti a Monitoraggio e gli Algoritmi Terapeutici. La nuova Banca Dati dei Farmaci si affianca quindi ad altri preziosi strumenti che dovranno rendere più trasparente, fruibile e tempestivo lo scambio di informazioni tra tutti gli attor della salute. Un aspetto che è stato ribadito dal Ministro della Salute on. Beatrice Lorenzin, che ha affidato a un messaggio scritto le sue considerazioni: “All’Agenzia Italiana del Farmaco va riconosciuto il merito di aver fatto della Trasparenza uno dei pilastri della sua attività istituzionale – scrive il Ministro Lorenzin – ma anche di aver posto in essere, specie negli ultimi due anni, una serie di iniziative concrete per convertire un principio fondante in prassi istituzionale In questo quadro, la nascita della Banca Dati del Farmaco rappresenta un ulteriore passo nella direzione già segnata.” Alla presentazione della Banca Dati sono intervenuti la Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Sen. Emilia Grazia De Biasi, e il Sen. Andrea Mandelli. “Mi compiaccio con l’AIFA per l’iniziativa e spero che l’azione che l’Agenzia sta perseguendo sulla strada dell’innovazione di sistema e della rivoluzione informatica funga da apripista all’intero sistema istituzionale – ha detto De Biasi – Per tale ragione ritengo sia fondamentale rafforzare il ruolo istituzionale dell’AIFA”. “Si tratta di una novità molto positiva – ha commentato Mandelli – che dimostra come nel panorama della sanità italiana ci siano realtà come l’AIFA che si muovono con efficienza e che rappresentano un modello anche per il resto d’Europa.” “In futuro – ha spiegato la dott. Marra, Coordinatore dell’Area Registrazione dell’AIFA – la Banca Dati consentirà l’accesso a informazioni di maggiore dettaglio relative ai farmaci, che saranno disponibili per il cittadino e di supporto agli operatori sanitari per le prescrizioni e ai farmacisti nella loro pratica quotidiana.” Le caratteristiche del nuovo workflow dell’AIFA sono state dettagliate da Fabio Macchiagodena, Direttore Tecnico del progetto Information Technology dell’Agenzia, che ne ha mostrato le potenzialità attraverso una navigazione in diretta del sito.

Se l’articolo ti è piaciuto inoltralo ad un collega utilizzando l’apposita funzione

Fonte: aifa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato